Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mezzo è il messaggio. La transit advertising in Italia e nel mondo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 mezzo di viaggio), mentre i secondi erano adatti per percorsi più brevi. Il servizio omnibus negli anni seguenti conobbe un rapido sviluppo, diventando un motivo d’orgoglio per la cittadinanza, oltre che un elemento disciplinante nelle abitudini domestiche: la regolare frequenza del mezzo di trasporto faceva da lancetta del quadrante della vita cittadina. L’anno 1860 segnò l’inizio di un periodo di trasformazione per la città e naturalmente i mezzi di trasporto furono uno dei settori che vennero investiti dal bisogno di rinnovamento, sotto l’impulso dei cittadini che chiedevano l’attivazione di un regolare servizio di vetture che circolassero tutto il giorno ad intervalli brevi. Le soluzioni erano due: tramways oppure omnibus; i primi correvano su binari e erano già stati attivati in America e nell’Europa centrale, riscuotendo un vivo successo. I secondi correvano su fondo stradale e meglio si adattavano alla morfologia del territorio; quindi il 28 giugno 1861 si costituì la “Società Anonima degli Omnibus per la città di Milano” (S.A.O.); le vetture erano grandi cassoni verdi a quattro ruote, trainate da una coppia di cavalli, illuminate dentro con un’enorme lampada ad olio, e potevano trasportare otto persone. C’è da dire che in seguito diventò indispensabile introdurre anche i tramways, a causa dell’alto numero di passeggeri che fruivano del trasporto pubblico. Fernand du Chène stipulò nel 1888 un accordo con la S.A.O. per installare all’esterno delle vetture i cartelli pubblicitari; a Milano e dintorni cominciavano ad apparire le prime pubblicità sulla parte superiore del tetto delle vetture tranviarie, sulle “corone” e gli “imperiali”, ma già dal 1894 si intensificò anche l’uso della pubblicità interna, grazie a delle eleganti e colorate vetrofanie e alle insegne appese ai corrimani e al soffitto.

Anteprima della Tesi di Jlenia Sellitri

Anteprima della tesi: Il mezzo è il messaggio. La transit advertising in Italia e nel mondo, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Jlenia Sellitri Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3421 click dal 20/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.