Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Durata della disoccupazione: indagini e modelli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE 15 Questa fase è necessaria e importantissima per non confondere elementi tra loro simili; si pensi alla sottile differenza esistente tra alcune categorie appartenenti alle Non Forze di Lavoro (per esempio, le casalinghe che hanno effettuato ore di lavoro nella settimana di riferimento), i disoccupati e gli occupati; ebbene, l’applicazione rigorosa di queste definizioni consente di collocare l’individuo in una propria classe specifica (nel caso citato, l’individuo è ritenuto appartenere agli occupati, proprio in virtù del fatto di aver lavorato nella settimana di riferimento). La definizione degli elementi alla base della RTFL interessa anche lo studio del sistema di campionamento adottato; infatti, se non si comprende in che modo ruotano i campioni, risulta impossibile effettuare l’unione dei dati per la ricostruzione delle durate complete. Lo schema di rotazione 2-2-2 del campione, consiste in una ricircolo dei campioni (e degli individui che lo compongono) nel tempo. In un anno solare si hanno 4 rilevazioni, una a Gennaio, una a Aprile, una in Luglio e l’ultima in Ottobre; chi entra in un campione per la prima volta, verrà intervistato nella rilevazione seguente, non verrà contattato per le due rilevazioni successive,poi, sarà re-intervistato per altre due rilevazioni successive, uscendo, infine, definitivamente dal campione. Il secondo capitolo affronta la delicata questione del tipo di abbinamento da utilizzare per accoppiare i dati. Pur analizzando entrambi i metodi di accoppiamento possibili (Metodo probabilistico e esatto), la soluzione alla scelta deriva da un accordo definito per le ricerche rientranti nel progetto co- finanziato dal MURST, per il quale è stato deciso di adottare l’abbinamento probabilistico, fornitoci dal gruppo di lavoro diretto dal prof. Ugo Trivellato dell’Università di Padova. Di entrambe le procedure, si forniscono sia elementi teorici, sia risultati ottenuti utilizzando entrambi gli approcci (capitolo 3).

Anteprima della Tesi di Michele Fracassini

Anteprima della tesi: Durata della disoccupazione: indagini e modelli, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Fracassini Contatta »

Composta da 449 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 20/07/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.