Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo del sistema bancario nel finanziamento dell'innovazione alle piccole e medie imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il ruolo del sistema bancario nel finanziamento dell'innovazione alle piccole e medie imprese rispetto all’ipotesi della loro assenza. Su questo aspetto si è espresso con chiarezza Arcelli, il quale afferma: “ è respinta come irrealistica l’ipotesi che se tra il risparmiatore e il prenditore di fondi vi è un mercato ben funzionante, il costo dell’intermediazione è comunque un costo aggiuntivo. Tale ottica confinerebbe banche e intermediari finanziari nella categoria dei rentiers destinati ad essere spazzati via nel tempo da mercati sempre più efficienti che gestirebbero direttamente l’allocazione delle risorse” 2 Da un punto di vista strettamente teorico, è possibile evidenziare l’utilità della presenza degli intermediari ripercorrendo rapidamente gli sviluppi della letteratura nel corso del tempo. Il superamento dei modelli keynesiani e monetaristi, realizzato attraverso il contributo di Gurley-Shaw, ha consentito di spostare l’attenzione sull’offerta di credito, consentendo una visione più efficace e realistica dei fenomeni economico finanziari non più vincolata allo stock di moneta ma correlata alla overall financial capacity. Gli sviluppi teorici successivi a Gurley-Shaw hanno consentito di affinare sempre più il ruolo e le problematiche dell’intermediazione finanziaria, di cogliere il nesso tra crisi reale e crisi finanziaria, di giustificare, infine, l’intervento pubblico ai fini di superare tutti gli ostacoli che si frappongono, in un mercato imperfetto, allo sviluppo in condizioni di stabilità ed efficienza. L’introduzione in questo contesto delle asimmetrie informative, come tratto caratteristico delle imperfezioni di mercato, deriva dall’individuazione dei “lemons problems” di Akerlof e sfocia nel filone di studi che, approfondendo le implicazioni allocative delle asimmetrie, arricchisce e perfeziona le relazioni tra sistema finanziario ed economia reale a livello aggregato. A completamento degli schemi interpretativi offerti dalle teorie dell’incertezza e dei costi di transazione, la teoria delle asimmetrie informative si è sostanzialmente sviluppata attorno agli 2 Arcelli 1994. 12

Anteprima della Tesi di Antonio Mastracci

Anteprima della tesi: Il ruolo del sistema bancario nel finanziamento dell'innovazione alle piccole e medie imprese, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Mastracci Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6208 click dal 19/07/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.