Skip to content

Contributo delle indagini sperimentali alla conoscenza degli edifici storici in muratura

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREVIEW La tesi ha affrontato alcune delle principali problematiche connesse all’utilizzo delle indagini sperimentali nella diagnostica del costruito storico in muratura. Obiettivi sono stati sia un’analisi critica di dette indagini, sia e, soprattutto, una valutazione del loro effettivo contributo, in rapporto alle differenti tipologie di edifici storici in muratura, ovvero in rapporto ai differenti problemi e comportamenti e, conseguentemente, in rapporto ai differenti modelli interpretativi utilizzati nella fase diagnostica. Attraverso un excursus storico, che ha preso in esame alcuni dei più importanti trattati sull’arte del costruire scritti nel corso dei secoli, è stata evidenziata la necessità, da sempre sentita, di indagare sperimentalmente le effettive caratteristiche dei materiali dell’edificio, che si andava costruendo o che si era costruito: dalle prime osservazioni, per verificare la qualità dei materiali o del terreno di fondazione della fabbrica, alla sperimentazione in laboratorio, per determinare le proprietà meccaniche dei singoli materiali da costruzione. Per quanto riguarda, più propriamente, le indagini applicate alle costruzioni esistenti, dalla lettura dei testi è emerso un monito costante a ricorrere ad analisi preliminari e sperimentali, prima di intervenire sul manufatto, per interpretare correttamente i fenomeni di degrado e di dissesto in atto, in particolare il quadro fessurativo. Oltre a rilievi e studi in situ, è stato evidenziato come la maggior parte delle indagini sperimentali applicate al costruito sia stata, in realtà, importata da altri settori, con tutte le conseguenti difficoltà di adattamento. Terminato l’esame delle fonti storiche, sono state prese in considerazione le indagini sperimentali attualmente impiegate nella fase diagnostica degli edifici storici in muratura. L’analisi critica è stata impostata su un confronto tra differenti tecniche, in base alle diverse classi di problemi da risolvere ed in base all’applicabilità alle diverse tipologie edilizie e murarie, che caratterizzano gli elementi del raggruppamento considerato. Tale confronto ha messo in evidenza come diverse indagini possano essere utilizzate per risolvere uno stesso tipo di problema, ma, anche e soprattutto, come una stessa indagine possa risolvere problemi diversi. Quest’ultima constatazione, forse così ovvia da essere spesso sottovalutata, presuppone un impiego della tecnica finalizzato, a monte della sua applicazione, indispensabile per poter comprenderne correttamente i risultati. La vastità ed eterogeneità degli elementi, che appartengono all’insieme degli edifici storici in muratura, non ha facilitato la generalizzazione delle osservazioni. Tuttavia, le analogie riscontrate tra tipologie di edifici, in particolare per quanto riguarda i problemi ricorrenti, il comportamento e, conseguentemente, le sue modalità di studio ed interpretazione, hanno suggerito di operare alcuni “distinguo” e di esaminare casi rappresentativi all’interno dei raggruppamenti tipologici creati. Sono state prese in considerazione due categorie di edifici storici: l’edilizia cosiddetta minore dei centri storici in zona sismica ed il singolo edificio monumentale. Questa scelta ha permesso di porre in evidenza le diversità esistenti tra le fasi diagnostiche, proprio in rapporto all’estensione, alle caratteristiche ed alla situazione contingente dei casi, valutando il diverso ruolo, nonché contributo, delle indagini sperimentali all’interno dei rispettivi processi di conoscenza. Nel caso di un gruppo di edifici storici in zona sismica, la fase diagnostica è finalizzata alla valutazione della vulnerabilità al sisma degli edifici e, viste le peculiarità della situazione, richiede indagini ad hoc, soprattutto rilievi e studi in situ, da compiere avvalendosi di tecniche rapide e facilmente ripetibili. L’importanza delle indagini sperimentali emerge nella possibilità di raffinare alcune informazioni. Nello specifico, è stato messo in evidenza il contributo delle prove con singolo e doppio martinetto piatto allo studio delle caratteristiche meccaniche delle diverse tipologie murarie, presenti all’interno del centro storico, aspetto chiave da identificare per la valutazione della vulnerabilità degli edifici. Vista l’estensione del contesto da indagare, l’impiego di tali tecniche su casi campione ha permesso di associare giudizi qualitativi al comportamento di ciascuno di essi, da estendere poi a tutti quelli simili.
Anteprima della tesi: Contributo delle indagini sperimentali alla conoscenza degli edifici storici in muratura, Pagina 1

Preview dalla tesi:

Contributo delle indagini sperimentali alla conoscenza degli edifici storici in muratura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Gallino
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Materiali e Strutture per l'Architettura
Anno: 2004
Docente/Relatore: Silvia Briccoli Bati
Correlatore: LuigiaBinda
Istituito da: Università degli Studi di Firenze
Dipartimento: Dipartimento di Costruzioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 270

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caratterizzazione dinamica
database
diagnostica
edifici storici
indagini sperimentali
martinetti piatti
muratura
sonica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi