Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina del trasporto multimodale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Rinviandone ad un momento successivo l’individuazione della natura giuridica, possiamo definire il trasporto multimodale come il trasferimento di una merce che utilizza almeno due modi di trasporto diversi 2 . Già agli inizi del secolo scorso ebbero origine problematiche inerenti al trasporto effettuato con più di una modalità, con particolare riguardo ai temi della documentazione e della responsabilità 3 : si trattava tuttavia di un fenomeno ancora di modeste dimensioni a livello mondiale. 2 Precisamente questa è la definizione utilizzata dalla CEMT (Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti) nell’intento di utilizzare un linguaggio comune in tema trasportistico. Si vedano in proposito gli articoli Trasporto multimodale, intermodale, combinato. Le differenze terminologiche secondo la CEMT, in Le assicurazioni trasporti, 30, 1995, 21 ss. e Trasporto multimodale, intermodale, combinato – La CEMT aggiorna la terminologia, in Le assicurazioni trasporti, 58, 2000, 24 ss. Nel quadro terminologico così elaborato dalla CEMT nel 1993 e successivamente aggiornato nel 1999, le definizioni trasporto intermodale (“trasferimento di una merce che utilizza più modi di trasporto ma con una stessa unità di carico, senza rottura del carico stesso. L’unità di carico può essere un veicolo stradale ovvero una unità di trasporto intermodale”) e trasporto combinato (“trasporto intermodale in cui la maggior parte del tragitto europeo si effettua per ferrovia, vie navigabili o per mare, mentre i percorsi iniziali e/o terminali, i più corti possibili, sono realizzati su strada”) sembrano appartenere al genus trasporto multimodale. 3 Nel 1927 venne infatti discusso dalla Camera di Commercio Internazionale nel Congresso di Stoccolma il tema della documentazione del trasporto, concludendo per la inopportunità di una disciplina legale uniforme, in ORIONE, Appunti per uno studio sul trasporto multimodale, in Dir. mar., 1996, 648 ss.; si veda inoltre BERLINGIERI- VERRUCOLI, Il trasporto combinato: nuove problematiche in tema di responsabilità e documentazione, in Dir. mar., 1972, 190 ss. Più in particolare sull’evoluzione storica della disciplina del trasporto multimodale si veda il successivo paragrafo 4.

Anteprima della Tesi di Daniele Ragazzoni

Anteprima della tesi: La disciplina del trasporto multimodale, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Ragazzoni Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5749 click dal 30/07/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.