Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Extreme Value Theory: un'applicazione al Value-at-Risk (VaR)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo - Controllo del rischio e profili di regolamentazione prudenziale 13 I concetti di maturity/duration mismatching sono costruiti sulla base di un’ipotesi di scenario sullo sviluppo futuro della curva dei rendimenti. L’idea è quella di misurare l’effetto di questa evoluzione dei tassi d’interesse rispetto ad una posizione di matching perfetto. Questa situazione di matching perfetto è collegata in maniera diretta al concetto di immunizzazone finanziaria 11 . A partire dagli anni ’90 è stato introdotto il concetto di Value-at-Risk (VaR). Il VaR fornisce risposta alla domanda :”di quanto capitale abbiamo bisogno per avere una buona probabilità di resistere a movimenti avversi del mercato nel tempo necessario a smobilizzare la posizione?”. La differenza con gli approcci basati sui concetti di disallineamento di scadenze e duration dell’attivo e del passivo consiste nell’introduzione di un altro concetto: la probabilità. Questo concetto diventa indispensabile per dare una stima in termini quantitativi del capitale necessario a sostenere una posizione di disallineamento, e quindi ci permette di determinare i mezzi liquidi da accantonare per far fronte ad eventuali movimenti avversi del mercato. Sotto questo profilo il Value-at-Risk può essere ricondotto a quello del “margine” 12 nell’operatività dei mercati dei contratti derivati . 11 Cfr. De Felice M., Moriconi F. (1991). 12 Il broker ci chiede a titolo di cauzione un deposito di titoli con elevato grado di liquidità (moneta o titoli di stato), noto come margine, in modo da poter garantire che eventuali perdite sulla posizione su un lasso di tempo necessario a chiudere la posizione stessa vengono assorbite da tale margine .

Anteprima della Tesi di Federico Lanciano

Anteprima della tesi: Extreme Value Theory: un'applicazione al Value-at-Risk (VaR), Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Lanciano Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6942 click dal 02/08/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.