Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Extreme Value Theory: un'applicazione al Value-at-Risk (VaR)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo - Controllo del rischio e profili di regolamentazione prudenziale 6 anni, o, l’obsolescenza di una nuova invenzione[…]. Su queste questioni non c’è alcuna base scientifica su cui formare una qualsivoglia probabilità calcolabile. Semplicemente, non sappiamo (niente). Tuttavia, la necessità per l’azione e per la decisione ci spinge come uomini pratici a fare del nostro meglio per superare questa difficile realtà e a comportarci esattamente come se avessimo dietro a noi un buon calcolo alla Bentham di una successioni di termini misuranti vantaggi e svantaggi prospettici, ciascuno moltiplicato per le probabilità appropriate, in attesa di essere tra loro sommate[…]. Una teoria del futuro che abbia connotazioni di praticità e che sia basata su questo tipo di tecniche ha alcune marcate caratteristiche […]. Le forze della disillusione possono di punto in bianco imporre una nuova base convenzionale di valutazione 1 .” Tuttavia Keynes aggiunge che ciascun tipo di comportamento è soggetto ad un tipo di instabilità che è: “dovuta a questa caratteristica della natura umana: che una larga parte delle nostre attività positive dipende da un ottimismo spontaneo piuttosto che da una aspettativa in termini matematici[…]. La maggior parte, forse delle nostre decisioni[…] si possono considerare soltanto come risultato di tendenze dell’animo (animal spirits), di uno spirito spontaneo all’azione invece che all’inazione[…]. Il nostro raziocinio sceglie tra le alternative nel miglior modo possibile, mediante un calcolo dove possiamo farlo, ma spesso ricadendo nel capriccio o nel caso per trovare un movente alla nostra azione 2 ”. Così fare impresa vuol dire assumersi dei rischi, cercando di non mettere in crisi l’azienda. 1 Cfr. Keynes, J.M. (1937). 2 Cfr. J.M.Keynes,(1937).

Anteprima della Tesi di Federico Lanciano

Anteprima della tesi: Extreme Value Theory: un'applicazione al Value-at-Risk (VaR), Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Lanciano Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6942 click dal 02/08/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.