Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Riforma dell'OCM Olio di Oliva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LINEE GENERALI SULLA PRODUZIONE E IL CONSUMO 7 f) l’olio di “sansa di oliva” ottenuto dal taglio di olio di “sansa raffinato” con “olio di oliva vergine” diverso dall’olio di oliva “lampante”, con un tenore di acidità libera non superiore ad 1 g per 100 g di prodotto. Attualmente si possono distinguere “tre tipi principali di coltivazione: gli oliveti tradizionali, spesso costituiti da alberi di vecchia data; le piantagioni tradizionali, gestite in maniera più moderna e caratterizzate da un uso più ampio dei fattori di produzione; le piantagioni intensive, di solito recenti, in cui si fa maggior ricorso alla meccanizzazione e alle moderne tecnologie, fra cui l’irrigazione” 13 . Il mercato della produzione dell’olio, chiamato ai tempi di Omero “oro liquido” 14 in virtù della grande importanza che gli è stata sempre attribuita, è decisamente altalenante 15 . Sono, infatti, tanti i fattori che influiscono sull’annata di raccolta: fattori prettamente climatici, come la siccità oppure l’alternanza biologica in base alla quale ad annate di raccolta abbondante, ne seguono generalmente alcune di produzione più debole. Misurato sul decennio degli anni ‘90, il coefficiente di variazione della produzione, legato ai fattori citati, è del 18,5% a livello mondiale, mentre è sensibilmente più elevato se si misura con riferimento ai singoli paesi: dal 25% della Grecia, al’65% della Turchia. Per evitare che variazioni eccessive della produzione abbiano effetti negativi sul mercato globale, si mettono in pratica specifici flussi di esportazione non meccanici, bensì espressamente voluti, con 13 COMMISSIONE EUROPEA, Il settore dell’olio d’oliva nell’Unione europea., Fonte web. http://europa.eu.int/comm/agriculture/publi/fact/oliveoil/2003_it.pdf. 14 TOPA, Olivo e Olio, tra storia e tradizioni., Macerata, 2001. 15 Sono davvero tanti i fattori che influiscono sulla decisione degli olivicoltori di intervenire o meno sul proprio oliveto. Ad esempio una prospettiva di aumento nella produzione può indurre l’agricoltore ad investire in un sistema di irrigazione, mentre un’attesa diminuzione del prodotto, potrebbe indurlo a ridurre i fertilizzanti utilizzati oppure a non raccogliere affatto le olive o addirittura, nei casi più gravi, di abbandonare la piantagione.

Anteprima della Tesi di Danilo Monticelli

Anteprima della tesi: La Riforma dell'OCM Olio di Oliva, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Danilo Monticelli Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6120 click dal 03/08/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.