Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Simulazione dei protocolli wireless LAN IEEE 802.11a e 802.11b

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Negli ultimi anni le crescenti esigenze da parte degli utenti del mercato delle tele- comunicazioni hanno fornito una prepotente spinta allo sviluppo delle reti locali. Queste, storicamente nate dalla necessita` di condividere informazioni in un ambito geograficamente ristretto, assumono sempre piu` spesso connotati diversi. Infatti, se da un lato si e` cercato di perfezionare le tecniche di comunicazione tra i terminali, in modo da ottenere robustezza e velocita` (espresse in termini di bit rate) elevate, dall’altro la spinta odierna porta a definire delle caratteristiche che fino a pochi anni fa nessuno riteneva importanti. Tra queste possiamo ricordare, ad esempio, la flessibilita`, la qualita` di servizio, la mobilita` e la sicurezza. Perch·e wireless? Nelle reti locali tradizionali i terminali sono collegati grazie all’uso di cavi, switch, hub e altre apparecchiature del gene- re. Cio` costituisce di per se´ una limitazione per questo tipo di reti, in quanto puo` essere difficoltoso, oltreche´ costoso, cablare edifici con muri spessi, oppure colle- gare due sedi separate da una strada. Per di piu`, riprogettare la topologia di una rete puo` essere un’operazione assai impegnativa, soprattutto se essa e` di grandi dimensioni; di conseguenza, occorre prevedere le istanze future gia` in fase di in- stallazione, ricorrendo anche a stratagemmi poco vantaggiosi, come ad esempio il sovradimensionamento. In una rete locale wireless (WLAN) le stazioni utilizzano il canale radio per comunicare. L’assenza di fili rende piu` economica la realizzazione della topologia di rete e consente, all’occorrenza, una rapida riconfigurazione. Oltre al tradizionale collegamento tra computer fissi, le wireless LAN offrono la possibilita` di connettere terminali mobili, conservandone la mobilita`. Per quanto riguarda le applicazioni multimediali, invece, le attuali caratteristiche delle reti wireless non sono ancora in grado di garantire buone prestazioni. I protocolli IEEE 802.11x costituiscono il piu` famoso e diffuso esempio di stan- dard per reti wireless. Il primo documento 802.11 e` stato approvato nel 1997, cui hanno fatto seguito, nel 1999, due aggiornamenti (802.11a/b) che ne migliorano le prestazioni.

Anteprima della Tesi di Nico De Laurentiis

Anteprima della tesi: Simulazione dei protocolli wireless LAN IEEE 802.11a e 802.11b, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nico De Laurentiis Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2756 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.