Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Simulazione dei protocolli wireless LAN IEEE 802.11a e 802.11b

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 6 Conclusioni Sono state analizzate e descritte le caratteristiche dei sistemi 802.11a/b, in particolare quelle dello strato fisico. Le soluzioni adottate dall’802.11b sono definite in manie- ra da estendere le funzionalita` dell’802.11, e quindi rispecchiano una sostanziale tradizionalita` degli schemi di modulazione e codifica, complicate, pero`, dal fatto di voler mantenere una compatibilita` con il vecchio standard. L’802.11a, invece, nasce ex-novo, e quindi presenta, pur nella varieta` delle tecniche di codifica/modulazione, una sostanziale unitarieta`. L’802.11a consente, grazie alla modulazione OFDM, di raggiungere bit rate ele- vate (fino a 54 Mbps), mentre l’802.11b permette, al massimo, di avere una velocita` di 11 Mbps; tuttavia, le maggiori velocita` del primo caso sono ottenute grazie a modulazioni di ordine elevato (64 QAM) e codifiche con rate alte (r = 3/4), le quali hanno il difetto di essere molto sensibili ai disturbi. Ad esempio, la degradazione dovuta alle non linearita` dell’amplificatore di potenza e` tale da rendere obbligatorio, nei segnali a 54 Mbps, l’utilizzo di dispositivi quali predistorsori o equalizzatori. Il confronto tra i due sistemi va allora effettuato solo considerando bit rate piu` basse; paragoniamo, ad esempio, l’802.11b con modulazione CCK a 11 Mbps e l’802.11a a 18 Mbps. Oltre al fatto di consentire una bit rate maggiore, il sistema 802.11a permette, con una BER di 10−5, di lavorare con un Eb/N0 inferiore di 2.5 dB (su canale AWGN), offrendo anche una pari efficienza spettrale. In presenza di interferenza da canale adiacente, il sistema 802.11b ottiene pre- stazioni migliori, merito del fatto che i canali sono maggiormente distanziati tra di loro. Nei casi reali occorre tener conto anche del contributo di interferenza dovu- to ad apparati esterni, sicuramente molto maggiore nella banda ISM in cui opera l’802.11b. Grazie alla modulazione QPSK, trova conferma l’immunita` dell’802.11b alla compressione del guadagno del PA: per apprezzare sostanziali degradazioni occor-

Anteprima della Tesi di Nico De Laurentiis

Anteprima della tesi: Simulazione dei protocolli wireless LAN IEEE 802.11a e 802.11b, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nico De Laurentiis Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2756 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.