Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dopo le Direttive 2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 trasmissione può essere effettuata via etere, oppure tramite l’uso di conduttori artificiali; la ricezione, invece, richiede il possesso di un apparato tecnico opportunamente predisposto, strutturato allo scopo di riprodurre, nella forma originale, l’oggetto del messaggio emesso e trasmesso. La definizione, inoltre, risulta ulteriormente utile ai fini della nostra analisi poiché permette di individuare le tre possibili forme che i messaggi trasmessi possono assumere. Infatti, in via generale, è possibile osservare come il più ampio genus delle telecomunicazioni si costituisca di tre species principali: la telegrafia, la telefonia tradizionale e le radiocomunicazioni. Nei primi due casi (telegrafia e telefonia, se si eccettua, all’interno di quest’ultima, quella mobile di più recente sviluppo), il supporto tecnico utilizzato è costituito da una rete costruita impiegando un conduttore dotato di fisicità. Anche le funzioni svolte sono comuni e consistono essenzialmente nel permettere a due soggetti di comunicare tra loro, da un singolo punto di trasmissione ad un singolo punto di ricezione (cd. servizi point to point): l’interesse è, dunque, che la rete veicoli in assoluto il maggior numero di messaggi, secondo un disegno esclusivamente economico. Si comprende allora come, in base alla realistica constatazione dell’impossibilità di verificare un numero elevatissimo di contatti, per questi servizi il contenuto dei messaggi che viaggiano sulla rete sia indifferente. Le reti assumono veste neutrale, in quanto idonee a fornire una molteplicità di servizi aprioristicamente non determinabili, e l’unica condizione richiesta è che venga assicurato che di esse ci si possa avvalere 16 . La terza specie, invece, è, sia per funzione che per tecnica, differente dalle precedenti due. 16 V. ZENO ZENCOVICH, Il sistema integrato delle telecomunicazioni: spunti sistematici e critici sulla legge 31 Luglio 1997, n. 249, in Diritto dell’informazione e dell’informatica, 1997, p. 738.

Anteprima della Tesi di Piercarlo Castellano

Anteprima della tesi: L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dopo le Direttive 2002, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Piercarlo Castellano Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1739 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.