Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I ________________________________________________________________________ - 3 - qualifiche apicali, non distinguendo, in maniera sostanziale, tali figure dagli ex impiegati direttivi, pur mutuando alcuni istituti dal D.P.R. 748/1972. In ogni caso, i provvedimenti sopra richiamati permettono di identificare, sia pure in linea generale, alcune caratteristiche tipiche della funzione dirigenziale, indispensabili per permetterne una concreta individuazione. Senz’altro propri della figura dirigenziale sono i compiti ausiliari rispetto alla funzione di indirizzo politico 2 . Tale funzione ausiliare comporta l’instaurazione di un rapporto che, se non proprio definibile “fiduciario”, comporta, comunque, la scomparsa del rapporto gerarchico, caratteristico dei primi provvedimenti normativi, a favore di un rapporto di direzione tra dirigenza e rappresentanti politici. Seconda caratteristica tipica è l’attribuzione, in capo al dirigente, di compiti, propri e non delegati, di attuazione degli indirizzi e degli obiettivi indicati dalla parte politica, non solo nel senso di traduzione di tali indirizzi in provvedimenti formali, ma anche mediante l’individuazione dei mezzi da impiegare e delle procedure da avviare per il raggiungimento degli obiettivi stessi. Terza caratteristica fondamentale è l’attribuzione al dirigente del potere, anch’esso proprio e non delegato, di disposizione diretta dei mezzi necessari allo svolgimento dell’attività amministrativa, siano essi materiali od umani, con la conseguente rappresentanza esterna dell’amministrazione di appartenenza nell’attività di raggiungimento degli obiettivi prefissati dalla parte politica. Queste tre caratteristiche, sebbene lontane dal definire compiutamente la figura del dirigente pubblico, sono comunque già sufficienti per sottolineare come l’istituzione e la regolamentazione della dirigenza in una qualsiasi amministrazione pubblica non sia una semplice questione di istituzione e regolamentazione di specifiche figure professionali, ma discenda direttamente 2 TERRANOVA S., op. cit., 227.

Anteprima della Tesi di Andrea Taio

Anteprima della tesi: La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Taio Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8883 click dal 26/08/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.