Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I ________________________________________________________________________ - 5 - presidenza delle commissioni di gara e di concorso, la responsabilità delle procedure d’appalto e di concorso e la stipulazione dei contratti. Lo statuto di ciascun ente può inoltre prevedere che la copertura dei posti di responsabili dei servizi o degli uffici, di qualifiche dirigenziali o di alta specializzazione, possa avvenire mediante contratto a tempo determinato di diritto pubblico o, eccezionalmente e con deliberazione motivata, di diritto privato, fermi restando i requisiti richiesti dalla qualifica da ricoprire. Il rinnovo di tali contratti è disposto con provvedimento motivato, che contiene la valutazione dei risultati ottenuti dal dirigente, in relazione al conseguimento degli obiettivi e all’attuazione dei programmi, nonchè al livello di efficienza e di efficacia raggiunto dai servizi dell’ente da lui diretti. L’interruzione anticipata dell’incarico può essere disposta con provvedimento motivato, quando il livello dei risultati conseguiti dal dirigente risulti inadeguato. 1.3 - La disciplina della dirigenza nel D.Lgs. 29/1993. Il D.Lgs. 29/1993, provvedimento che ha introdotto la privatizzazione del pubblico impiego, contiene numerose ed importanti disposizioni riguardanti la dirigenza, tant’è che taluno 4 , forse un po’ enfaticamente, ha definito la parte di tale decreto legislativo dedicata alla dirigenza (artt. 13-29) come “lo statuto del dirigente della Pubblica Amministrazione”. Dopo aver affermato, all’art. 3, il principio della separazione delle competenze tra apparato politico ed apparato burocratico, gli artt. 16 e 17 elencano le competenze rispettivamente del dirigente generale e del dirigente. 4 STEVANATO L., Il dirigente manager nella Pubblica Amministrazione, in Il Diritto della Regione, 1994, 2, 239.

Anteprima della Tesi di Andrea Taio

Anteprima della tesi: La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Taio Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8883 click dal 26/08/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.