Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La patologia del gioco d'azzardo nell'età moderna. L'informazione come cura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 E’ possibile dividere i giochi d’azzardo in due categorie: a) Dentro al casinò b) Fuori dal casinò Alla prima categoria appartengono giochi quali roulette, baccarà, chemin de fer, black-jack ecc. Alla seconda, appartengono invece le lotterie, il lotto, il superenalotto, il totocalcio, il totogol, il totip, e tutte le scommesse sportive, tutti i giochi di carte e di dadi, la tombola ecc. Un posto a parte va riservato ai video-poker e alle slot-machines. Queste macchinette cosiddette “mangia-soldi” erano fino a poco tempo fa relegate solo all’interno delle case da gioco, mentre oggi la loro diffusione è pressoché illimitata (si trovano, quasi in ogni bar e tabbacheria), sebbene le vincite in denaro siano spesso mascherate da “buoni-consumazione”. La domanda ricorrente a proposito dei giochi d’azzardo è la seguente: - è meglio vietarli oppure legalizzarli? Da secoli si cerca di dare una risposta a tale quesito, che ha coinvolto varie scuole di pensiero. Dal canto nostro, riteniamo che il divieto dei giochi d’azzardo non sia una scelta proponibile, per tutta una serie di fattori.

Anteprima della Tesi di Marco Ciampoli

Anteprima della tesi: La patologia del gioco d'azzardo nell'età moderna. L'informazione come cura, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ciampoli Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7785 click dal 30/08/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.