Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Livelli di integrazione della popolazione straniera in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 CAPITOLO 1 L’ITALIA: DA PAESE DI EMIGRAZIONE A PAESE DI IMMIGRAZIONE Premessa Non esiste nella storia d’Italia degli ultimi due secoli un fenomeno così persistente e invasivo come quello dei movimenti migratori che, di fatto, sono diventati una delle dorsali costitutive dell’intera storia nazionale. La loro recente inversione che ha trasformato l’Italia da “paese di emigranti” a “terra di immigrati”, rende necessario porsi, nell’analisi di tale passato migratorio, una serie di domande. Per queste caratteristiche, lo studio dell’emigrazione italiana costituisce un centro vitale di riflessioni storiografiche, su cui sviluppare molteplici percorsi analitici. I movimenti migratori hanno origini lontane, la storia di quasi tutte le civiltà è storia di migrazioni, di scambi, di mescolanze. Ragioni economico-sociali quali l’impoverimento, la crescente disparità di reddito tra i Paesi, la necessità di sfuggire a situazioni di guerra, a regimi oppressivi, a persecuzioni politiche causano flussi migratori di diversa entità. A tali cause va aggiunta la peculiarità della struttura economica dei paesi in cui i flussi convergono, quella europea ed italiana in particolare dove la presenza di un doppio

Anteprima della Tesi di Anna Ancona

Anteprima della tesi: Livelli di integrazione della popolazione straniera in Italia, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Anna Ancona Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5309 click dal 26/08/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.