Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Livelli di integrazione della popolazione straniera in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX (1881-1914), cominciarono i primi movimenti dei rifugiati, più di 2.250.000 ebrei si spostarono negli Stati Uniti e più di 120.000 in Gran Bretagna 9 . Nei paesi di accoglienza le politiche liberali cominciarono ad essere messe in discussione ed iniziò il controllo dell’immigrazione. Quando le porte americane si chiusero, si pensò all’opportunità di introdurre norme più severe 10 . A seguito della crisi del ‘29, poi, il progresso tecnologico si velocizzò: la macchina si sostituì all’uomo, che cessò così di essere il fattore di produzione meno costoso. La disoccupazione iniziò quindi a pesare per lunghi anni sulle società industriali e, in primo luogo, sulla società americana: il mondo aperto del XIX secolo cessò perciò di esistere. Dopo la Seconda Guerra Mondiale si apriva una nuova fase, tutta l’Europa centro settentrionale diventava area d’immigrazione e importatrice diretta di manodopera 11 . Il modello dominante era rivolto ad un’immigrazione verso l’Europa nord occidentale più che verso l’emigrazione, poiché la ripresa economica richiedeva, oltre a quella locale, manodopera straniera 12 . La nuova ondata migratoria nell’Europa occidentale ebbe un ruolo fondamentale sia dal punto di vista sociale che politico; essa si la presenza di molte minoranze rappresentava una sfida all’integrità di molti stati nazione europei di recente costituzione. 9 COLLINSON O., Le migrazioni internazionali e l’Europa, Il Mulino, Milano, 1994. 10 Questo processo ricevette un’accelerazione dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale. 11 MELOTTI M., La sfida dell’immigrazione: aspetti generali e problemi specifici del caso italiano, Edizioni Liguori, Napoli, 1993. 12 In questo periodo si calcola che circa trenta milioni di persone si spostarono verso Occidente.

Anteprima della Tesi di Anna Ancona

Anteprima della tesi: Livelli di integrazione della popolazione straniera in Italia, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Anna Ancona Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5309 click dal 26/08/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.