Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Eye-deology, teorie di architettura effimera

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Concetto di Marchio 15 Questo la distingue “graficamente” dai suoi concorrenti e posiziona la società nel mercato attraverso un uso ragionato di caratteri tipografici, palette di colori e loghi. Nel passato, una identità visuale era sufficiente a progettare e proteggere l’immagine di una organizzazione. Oggi, tutti gli aspetti dell’immagine devono essere gestiti, dalla rifinitura delle affermazioni di volontà della missione dell’azienda a come le merci devono essere disposte sugli scaffali. Il management della “corporate image” integra la cultura dell’azienda con il processo di gestione e richiede tutta la capacità di comunicazione che l’organizzazione può mettere in gioco. La gestione della “corporate image” permette la creazione di un linguaggio, di schemi di comportamento, di una simbologia, di una “tradizione” più o meno inventata e un dialogo che sia focalizzato sull’espressione più appropriata dell’immaginario di un’azienda. Il dialogo deve far combaciare sia le aspettative dei consumatori/fruitori che quelle dei suoi impiegati rispetto a quanto l’azienda si differenzia dalle altre, rispetto a quali siano i suoi “core values” 4 , i suoi principi, come già detto, la sua tradizione e i suoi prodotti. Il principio che si sottointende è che se una cosa che arriva a toccare il cliente, allora si tratta di una questione che riguarda il marketing 5 . Niente influenza più il fruitore/consumatore/utente di come esso percepisce l’immagine di un’azienda. 4 I core values sono i valori tangibili e intangibili che costituiscono il nocciolo comunicativo dell’azienda, le sue uniche peculiarità. 5 “If it touches the customer, it’s a marketing issue”, Steven Howard, Marketing Discipline for the 21 st Century,2000.

Anteprima della Tesi di Claudio Marenco Mores

Anteprima della tesi: Eye-deology, teorie di architettura effimera, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Claudio Marenco Mores Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5698 click dal 02/09/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.