Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 E’ innegabile, però, che siffatti strumenti si configurino prima di tutto come mezzi di tutela individuale del singolo azionista che talora si inseriscono nell’ambito di istituti tradizionali più opportunamente riformati, quali il recesso, talaltra si collegano più recenti normative speciali, come nel caso delle offerte pubbliche di acquisto, consentendo appunto all’azionista di minoranza di sottrarsi al vincolo societario, senza compromettere la consistenza del patrimonio investito. A seconda delle circostanze, essi possono risultare, come naturale, più o meno idonei allo scopo. Si tratta comunque di rimedi in qualche modo estremi, giacché nel momento stesso in cui li utilizza, l’azionista decide di uscire dalla compagine sociale. Il possibile ricorso all’exit è dunque una forma di tutela della minoranza azionaria, ma deve essere concepito come extrema ratio atteso, che comporta lo scioglimento unilaterale del rapporto sociale. Sotto altro profilo, l’autotutela non si esprime solo nella possibilità per il socio di uscire dalla società, bensì anche in strumenti che consentono alla minoranza di avere una qualche voce in capitolo negli organi societari, i cd. diritti di voice, e che come si diceva assumono importanza ancora maggiore, nelle società non quotate che in quelle quotate. In queste ultime infatti, se il mercato finanziario è efficiente (ossia connotato da un alto livello informativo e di trasparenza) appare del tutto fisiologico che gli investitori acquistino e cedano azioni a seconda della convenienza finanziaria del momento e trovino in ciò la piena soddisfazione delle esigenze che li hanno indotti ad acquisire, per poi eventualmente dismettere, una determinata partecipazione societaria. Nelle società non quotate, e segnatamente in quelle che si possono definire società chiuse (prevalentemente finanziate dalle banche o dagli stessi soci, con

Anteprima della Tesi di Massimiliano De Martino

Anteprima della tesi: Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano De Martino Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3834 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.