Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 scarsa propensione a ricorrere al mercato dei capitali), le possibilità di exit (anteriormente alla Riforma Vietti che, come meglio si vedrà, ha notevolmente ampliato l’ambito e l’applicazione del recesso) erano assai minori, o comunque risultavano molto penalizzanti; sicché è proprio in questo tipo di società che forse più drammaticamente si pone l’esigenza di assicurare alle minoranze adeguati poteri di voice 11 . In generale, comunque, si può affermare che la volontà del legislatore del D.Lgs. n. 58/1998 è stata quella di accompagnare a strumenti di autotutela nel segno dell’exit anche strumenti di voice. Resta però fermo in tutti i casi, che gli strumenti di voice, per definizione e a differenza di quelli di exit, mal si attagliano al singolo azionista e sono invece particolarmente adatti per minoranze coalizzate, che abbiano la forza e la capacità di organizzarsi per fare sentire appunto la loro voce negli organi societari, soprattutto quindi per gli investitori istituzionali. Tuttavia affinché un siffatto sistema di autotutela funzioni davvero occorrono almeno due condizioni fondamentali: l’una afferente al mondo del mercato, l’altra a quello delle istituzioni. La prima è l’esistenza di investitori istituzionali sufficientemente “attrezzati” a questo scopo, e non in base alla caratura professionale, ma alla necessità che essi siano del tutto indipendenti dai gruppi di potere che dominano la società e ne incarnano la maggioranza. Non di rado, infatti, la possibilità per l’investitore istituzionale di esercitare efficacemente i poteri di contrasto di cui disporrebbe nei confronti della maggioranza è limitata da situazioni di conflitto di interessi, nelle quali lo stesso azionista versa in virtù di rapporti partecipativi diversi 11 ANGELICI, La tutela delle minoranze,op. cit., 786 ss.

Anteprima della Tesi di Massimiliano De Martino

Anteprima della tesi: Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano De Martino Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3836 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.