Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo 1: Le origini e lo sviluppo del movimento neoconservatore 1.1 Cosa intendere per “neoconservatori” Prima del fatidico spartiacque dell’11 settembre 2001 i pochi in Europa a parlare di “neoconservatori” si contavano forse sulle dita di una mano. Con la guerra all’Iraq del 2003 la parola “neocon” (o “neocons”) è diventata una delle più pronunciate e scritte nei dibattiti pubblici, sui giornali e sui libri. Innanzitutto è bene mettersi d’accordo su che cosa si intenda con il termine “neoconservatore”. 1.1.1. La parola “neoconservatore” Si è fatta, e si fa ancora per la verità, molta confusione, e si fatica a catalogare i neocon in una categoria politica e culturale ben definita: non a caso uno dei temi più dibattuti nei mesi passati è stato proprio l’interrogarsi sul “Chi sono i neocon?”, quali misteriosi gruppi d’interesse si nascondano dietro questo lemma per alcuni decisamente inquietante. Il termine neo-conservative fu usato per la prima volta nel 1973 da Michael Harrington in un articolo per la rivista liberal Dissent. In quel pezzo si voleva apostrofare il presunto spostamento a destra di un gruppo di intellettuali ritenuti sino ad allora inequivocabilmente di sinistra. 1 Irving Kristol, indiscutibile padrino del movimento sia per anzianità che per originalità del suo contributo, ha dipinto i neoconservatori con una frase che probabilmente rimarrà insuperata per efficacia: <>. Kristol spiega in un saggio del 1995 che la differenza principale tra il neoconservatorismo e il conservatorismo tradizionale, almeno per come egli vede la questione, sta nel giudizio storico sul New Deal, il piano di ristrutturazione economica 1 [Rocca 2003, 66]

Anteprima della Tesi di Cleto Romantini

Anteprima della tesi: I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Cleto Romantini Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3518 click dal 30/08/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.