Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 tanto che, dopo la sua morte nel 1971, diversi suoi compagni si avvicinarono sempre di più agli ambienti della destra repubblicana, sino a sostenere apertamente Ronald Reagan negli anni Ottanta. 6 Anche Kristol abbandona il socialismo rivoluzionario, e si converte al capitalismo ed al libero mercato, restando però almeno in un primo momento nell’ambito dell’area politica della sinistra americana, vicino al Partito Democratico. Negli anni Cinquanta/Sessanta il movimento che oggi chiamiamo neocon è principalmente un movimento intellettuale, più legato al mondo della carta stampata che a quello dei palazzi della politica. Proprio nell’ambiente legato alla Partisan Review (la rivista fondata nel 1934 dal John Reed Club di New York) della quale era redattore Lionel Trilling, il professore della Columbia University che prese a cuore le sorti del giovane Podhoretz, negli anni Cinquanta nasce il sodalizio culturale tra Kristol e Norman Podhoretz. 1.2.2. La rottura con la “Famiglia” Le prime avvisaglie dell’imminente rottura con quella che allora veniva chiamata la “Famiglia” degli intellettuali newyorchesi si hanno nel 1958, quando Podhoretz scrive un saggio per la Partisan Review dal titolo The Know-Nothing Bohemians, nel quale demolisce il manifesto culturale della Beat Generation, ritenuto portatore di una nefasta ideologia nichilista e antiborghese. Podhoretz era amico personale di diversi esponenti della cultura beat, a partire dai più noti, come Jack Kerouac e Allen Ginzberg. Mark Gerson nel suo The Essential Neoconservative Reader (ripreso da Rocca in Esportare l’America) racconta a tal proposito un episodio significativo. A qualche giorno dall’uscita del saggio Jack Kerouac telefonò a Podhoretz per invitarlo a una festa al Greenwich Village, cuore pulsante dell’intellighenzia liberal e beat. Podhoretz andò e trovò Allen Ginzberg, che gli disse, lapidario: <>. 7 6 http://en.wikipedia.org/wiki/Max_Shachtman 7 [Rocca 2003, 72-73]

Anteprima della Tesi di Cleto Romantini

Anteprima della tesi: I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Cleto Romantini Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3518 click dal 30/08/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.