Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Paradisi fiscali e centri finanziari offshore: uso e abuso nei casi Parmalat ed Enron

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Riquadro 1. ELEMENTI CHIAVE PER INDIVIDUARE UN REGIME FISCALE DANNOSO secondo il rapporto OCSE del 1998 Harmful tax competition: An emerging global issue a) Imposizione fiscale sui redditi bassa o prossima allo zero. E’ il punto di partenza per definire dannoso un regime fiscale preferenziale. L’imposta effettiva può essere bassa o nulla perché l’aliquota media è, di per sé, bassa o per il metodo di determinazione della base imponibile a cui l’aliquota è applicata. b) Il sistema è “ring fenced”. Quando in un Paese, la tassazione è molto diversa tra redditi generati all’interno o all’esterno, si parla di ‘ring fencing’. Tali legislazioni non fanno altro che causare l’erosione delle basi imponibili di altre nazioni. Il ring fencing può assumere diverse forme: 1) sistemi che restringono i benefici ai non residenti. Sono sistemi che escludono le imprese residenti dai propri sistemi di tassazione agevolata. L’impatto economico della loro riduzione fiscale pesa esclusivamente sugli altri Paesi; 2) sistemi che proibiscono agli investitori, che beneficiano del regime fiscale agevolato, di operare nel mercato domestico. Questa caratteristica ha la funzione di isolare l’economia domestica dagli effetti negativi del sistema. c) Assenza di trasparenza La mancanza di trasparenza nelle transazioni effettuate all’interno di una giurisdizione, può rendere difficile per lo stesso Paese l’attuazione di misure difensive contro gli abusi. Per essere definito trasparente, un regime deve soddisfare due condizioni: prevedere una normativa fiscale chiara e definita che permetta il ricorso all’autorità giudiziaria in caso di mancanze o abusi; e tutti i dettagli concernenti tali norme devono essere immediatamente disponibili a tutte le giurisdizioni dei Paesi che ne facciano richiesta. d) Assenza di un effettivo scambio di informazioni. La capacità di un Paese di fornire informazioni agli altri è un fattore chiave per capire se il suo sistema fiscale causa effetti dannosi agli altri Stati.

Anteprima della Tesi di Lucia Serafini

Anteprima della tesi: Paradisi fiscali e centri finanziari offshore: uso e abuso nei casi Parmalat ed Enron, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lucia Serafini Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14603 click dal 31/08/2004.

 

Consultata integralmente 62 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.