Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Paradisi fiscali e centri finanziari offshore: uso e abuso nei casi Parmalat ed Enron

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 3.2 I Paradisi Fiscali L’espressione paradiso fiscale deriva dalla traduzione letterale dall’inglese di tax heaven, anche se in realtà, gli americani che per primi si sono occupati dei paradisi fiscali in maniera sistematica, parlavano inizialmente di “tax haven”, vale a dire di “rifugio fiscale”, mentre sono stati i francesi ad introdurre il più seducente termine paradis fiscaux [Bartimmo,1992]. Tutte le espressioni, in ogni caso, si riferiscono a Stati o territori che, data la moderata pressione fiscale interna, rappresentano un “riparo” per redditi prodotti altrove. Questi Stati o territori offrono agli investitori esteri un ambiente con un livello di tassazione nullo, o solo nominale, a cui solitamente si accompagnano scarsi obblighi amministrativi e regolamentari; inoltre, spesso, le attività che hanno luogo al loro interno, non sono soggette allo scambio di informazioni a causa, per esempio, di rigide disposizioni sul segreto bancario. Pare utile, a questo punto, fare un piccolo accenno alla genesi storica dei paradisi fiscali, o almeno di quelli più tradizionali. I paradisi fiscali appartenenti all’area caraibica (Bahamas, Bermuda, Barbados, Cayman Islands ecc) sono piccole isole o arcipelaghi, di solito ex colonie dell’Impero britannico, che alla fine del XVIII secolo si opposero alla Corona inglese che voleva imporre loro nuovi prelievi fiscali. Alla rivoluzione delle colonie che rivendicavano i loro diritti, seguì la perdita di tali territori da parte dell’Impero britannico e l’affermarsi del principio dell’autodeterminazione in campo fiscale. Così, i piccoli Paesi, industrialmente poveri, svilupparono una legislazione volta ad attirare i ricchi stranieri in cerca di “rifugi” dalle imposte troppo elevate dei Paesi di residenza. In altri casi, la nascita del paradiso fiscale si ricollega alla seconda guerra mondiale, quando i movimenti di capitale non erano guidati da ragioni economiche, ma politiche. Chi poteva disporre di un qualche patrimonio, cercava un luogo politicamente e finanziariamente stabile.

Anteprima della Tesi di Lucia Serafini

Anteprima della tesi: Paradisi fiscali e centri finanziari offshore: uso e abuso nei casi Parmalat ed Enron, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lucia Serafini Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14603 click dal 31/08/2004.

 

Consultata integralmente 62 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.