Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Misura del rapporto segnale/interferenza co-canale nei sistemi di telefonia cellulare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Figura 1-2: Esempio di piconet e scatternet Le comunicazioni vocali sono garantite da un canale dedicato definito SCO (Synchronous Connection Oriented) e godono di tempistiche d’accesso riservate. Il traffico dati, invece, viene gestito da un secondo canale, ACL (Asynchronous ConnectionLess) che occupa le frequenze non utilizzate per le trasmissioni vocali. Per comunicare tra loro, due o più dispositivi Bluetooth devono essere inseriti in una piccola rete locale formata al massimo da otto componenti (denominata piconet), all’interno della quale uno solo di questi può occupare il ruolo di Master,valeadiregestore della rete stessa. Non è esclusa la possibilità che un dispositivo di una determinata rete possa far parte anche di altre reti: se questo avviene si forma una rete più ampia definita scatternet. Un tipico esempio di rete piconet e scatternet è rappresentato in figura 1-2. Questa tecnologia utilizza dei particolari protocolli di comunicazione appositamente creati per ottimizzare il sistema di comunicazione. 17

Anteprima della Tesi di Luca Bellomo

Anteprima della tesi: Misura del rapporto segnale/interferenza co-canale nei sistemi di telefonia cellulare, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Bellomo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1209 click dal 31/08/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.