Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dinamiche dello sviluppo in Argentina (1990-2000): relativi problemi di misurazione e proposte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sempre stata molto più modesta di quella degli altri Paesi della regione, per questo la decelerazione mondiale si tradusse in un modesto declino nei livelli di commercio che comportarono, a loro volta, solo modesti cambiamenti nei redditi reali rispetto a quelli avvenuti negli altri Paesi dell’area latinoamericana (come per esempio in Venezuela ed in Ecuador, principali esportatori di petrolio). Le crisi internazionali trovarono in Argentina un terreno fertile per moltiplicare i loro effetti negativi. La vulnerabilità specifica della posizione argentina fu attribuita ad una serie di fattori tra cui: grande debito pubblico, posizione fiscale fragile, caratteristiche deboli del sistema bancario che insieme all’adozione di politiche sbagliate, tra cui i continui aggiustamenti fiscali e l’esitare sulla scelta definitiva del regime di cambio 12 , agirono congiuntamente rinforzandosi l’un l’altro e determinando il deterioramento dell’economia (World Bank, 2002). I punti di vista fin qui esposti partono dalla considerazione che presupposto essenziale per lo sviluppo di un Paese è la crescita economica. In effetti, abbiamo visto fino ad ora come siano state messe in discussione solo le 12. Politiche quali la continua rivalutazione del peso sul dollaro nello scenario della svalutazione continua degli altri Paesi coinvolti nella crisi in particolare quelli del Mercosur, e la scelta nel 1998 di mantenere la parità con il dollaro ed aspettare la fiducia degli investitori stranieri. Secondo la World Bank sarebbe stato meglio attuare una svalutazione in tempi non sospetti ossia quando l’economia argentina mostrava segni di ripresa. Ma questo è il senno del poi, poiché il governo argentino seguì le direttive menzionate nelle “lettere di intenti” proposte dalle istituzioni finanziarie internazionali: Fmi e World Bank..

Anteprima della Tesi di Valentina Giudice

Anteprima della tesi: Dinamiche dello sviluppo in Argentina (1990-2000): relativi problemi di misurazione e proposte, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Valentina Giudice Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1592 click dal 02/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.