Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Cura Te Stesso'': L'imperativo socratico (d')après Foucault

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Introduzione Il y a chez beaucoup, je pense, un pareil désir de n’avoir pas à commencer, un pareil désir de se retrouver, d’entrée de jeu, de l’autre côté du discours, sans avoir eu à considérer de l’extérieur ce qu’il pouvait avoir de singulier, de redoutable, de maléfique peut-être. A ce vœu si commun, l’institution répond sur le mode ironique, puisqu’elle rend les commencements solennels, puisqu’elle les entoure d’un cercle d’attention et de silence, et qu’elle leur impose, comme pour les signaler de plus loin, des formes ritualisées. Michel Foucault, L’ordre du discours Il tema della cura di sé (epimeleia heautou), nozione filosofica e principio pratico al centro dell’etica antica, rappresenta il problema intorno al quale si è organizzata la ricerca del cosiddetto «ultimo Foucault». Il presente lavoro si propone due scopi: primo, ricostruire il movimento del tema all’interno dell’opera di Michel Foucault; secondo, a partire dall’interpretazione foucaultiana, che ha fatto risalire a Socrate la prima elaborazione teorica dell’imperativo morale «Cura te stesso», interrogarsi sul significato da attribuire a questo principio inteso come contenuto positivo dell’etica socratica. Per tale ragione, la produzione intellettuale dell’ultimo Foucault in questo lavoro rappresenta sia ciò di cui si parla, sia ciò attraverso cui si parla di Socrate come del maestro della cura di sé («l’homme du souci de soi» 1 ). Inoltre, interlocutori privilegiati saranno quegli storici e quei filosofi contemporanei in base ai quali il nostro autore ha potuto interpretare la filosofia antica come un’arte dell’esistenza; in particolare il punto di vista di Pierre Hadot, cui Foucault è debitore della nozione di «esercizi spirituali» (in seguito da lui designati come tecniche o pratiche del sé), costituirà un elemento di riferimento e di confronto costante. La pubblicazione del corso L’herméneutique du sujet, tenutosi al Collège de France dal gennaio al marzo 1982, ha messo in luce (a quasi vent’anni dalla morte del suo autore 2 ) la necessità di rimettere in discussione le ragioni e gli esiti del problematico «retour aux Grecs» 3 compiuto da Michel Foucault nell’ultimo periodo della sua attività filosofica. I condizionamenti ideologici che influenzarono una certa critica all’uscita del secondo 4 e del terzo 5 volume della Histoire de la sexualité sono oggi del tutto superati e le pagine de L’herméneutique du sujet possono essere lette per quello che sono: un corso di metafilosofia 1 Foucault [19], p. 10 (trad. it., p. 10). 2 Il corso è stato pubblicato in Francia nel 2001; nell’ottobre 2003 è uscita l’edizione italiana; quest’anno ricorre il ventennale della morte di Michel Foucault, scomparso il 25 giugno 1984. 3 Cfr. Foucault [14], vol. IV, Le retour de la morale, pp. 701-702. 4 Cfr. Foucault [12]. 5 Cfr. Foucault [13].

Anteprima della Tesi di Andrea Piatesi

Anteprima della tesi: ''Cura Te Stesso'': L'imperativo socratico (d')après Foucault, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Piatesi Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7109 click dal 02/09/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.