Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le metafore culinarie nella narrativa di Salman Rushdie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

affiorare alla mente soltanto ricordi, pezzi di passato: essa non è in grado di consegnare in modo preciso e intatto le cose perse. Verso la fine di Midnight’s Children, il Pakistan attacca l’India per il territorio conteso del Kashmire. La famiglia del protagonista si è da poco trasferita in Pakistan, ma durante un bombardamento viene disintegrata: muoiono la nonna Nazeem, la zia Pia, la zia Emerald. Saleem, invece, riesce a salvarsi, ma perde la memoria, si risveglia in un ospedale militare e si arruola nell’esercito; sei anni dopo, quando scoppia la guerra in Bangladesh, si offre come guida grazie al prodigioso fiuto del suo naso. Memoria vuol dire anche distorsione, creazione e invenzione. “Sometimes, in the pickles’ version of history, Saleem appears to have known too little; at other times too much... I should revise” (p. 460). E’ la storia dell’India, circa settant’anni dall’inizio del secolo alla fine dell’Emergenza di Indira Gandhi, dal massacro di Amritsar del 1915 al giorno dell’Indipendenza considerato come l’azzeramento del tempo, presente e passato si uniscono come le lancette dell’orologio che segnano la mezzanotte in segno di benvenuto alla nascita di

Anteprima della Tesi di Elisa Faiulo

Anteprima della tesi: Le metafore culinarie nella narrativa di Salman Rushdie, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Faiulo Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1787 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.