Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Analisi di un’entità geo-economica: il distretto 2 Capitolo 1 Analisi di un’entità geo-economica: il distretto 1.1 Da Marshall a … Becattini: teorie Marshall è stato il primo economista che ha studiato il comportamento di un agglomerato di medie e piccole imprese, trattando quest’argomento in molte delle sue opere e principalmente nel suo libro: “Industry and trade” (Marshall, 1975), dove studia la localizzazione dell’industria, distinguendo le città manifatturiere dai distretti. E' importante rilevare, che tutti gli studi sono stati effettuati in Inghilterra, prendendo come esempi i distretti tessili nel Lancashire o quelli metallurgici di Shieffield, che si sono sviluppati in una determinata epoca storica. Ancora oggi le suddette indagini sono prese in considerazione per analizzare realtà economiche che si sono sviluppate anche in Italia. Per "industrial districts" si intende un insieme di industrie monosettoriali localizzate in una determinata zona, tra le quali vi è collaborazione ma anche concorrenza (Marshall, 1919, p. 283). Marshall inoltre sostiene, che: per ottenere i vantaggi della produzione, è possibile suddividere il processo in varie fasi, ciascuna delle quali può essere eseguita in piccoli stabilimenti che costituiscono il polo industriale. Questo può verificarsi soprattutto quando le varie industrie hanno raggiunto un buon grado di specializzazione tale da creare un vantaggio, ossia le maggiori economie (Marshall, 1919, p. 190). Per capire tutto ciò si può paragonare il distretto ad una ricetta, dove gli ingredienti per la buona riuscita del piatto sono: la localizzazione mirata in un determinato territorio, le relazioni interaziendali ed interpersonali che si creano ed infine le economie interne ed esterne all'entità economica. Paradossalmente, quanto più il distretto è capace di rinnovarsi, di innestare nuovi settori, di creare fasi sempre più specializzate, tanto più esso mantiene la sua identità come distretto industriale. Per questo ancora una volta Marshall pone

Anteprima della Tesi di Maria Bracco

Anteprima della tesi: Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Bracco Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1686 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.