Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Analisi di un’entità geo-economica: il distretto 5 1.2 Distretti e competitività territoriale Importante è capire, che ruolo svolge la localizzazione in un distretto, soprattutto in un mondo in cui le imprese competono effettivamente a scala globale ed inoltre capire se la localizzazione continua ad avere un ruolo cruciale per il vantaggio competitivo. In primo luogo vi sono differenze tra stati, regioni e città diverse, ed in secondo luogo le più importanti aziende del mondo fanno sempre capo ad una o due stati, in cui si trovano le case madri in cui si concentrano le funzioni principali. Il vantaggio competitivo di una localizzazione consiste fra l’altro nelle qualità ambientali che favoriscono incrementi sostenuti e crescenti di produttività in un determinato campo. Nonostante siamo abituati a pensare che il vantaggio competitivo tragga origine principalmente all’interno dell’impresa, il vantaggio potenziale e molti fattori necessari per sfruttarlo risiedono, in effetti, nell’ambiente circostante. Questa è l’unica spiegazione possibile del fatto che tante imprese di successo, in un determinato campo, emergono nello stesso paese e persino nella stessa regione (Porter, 2001, pp. 242-322). La localizzazione è stata considerata, in passato, un prezzo da pagare ai benefici della strategia globale, al contrario la localizzazione della casa madre dovrebbe essere considerata l’origine del vantaggio competitivo. La strategia globale può estendere tale vantaggio, distribuendo e coordinando le attività in modo da assicurare vantaggi comparati, accesso ai mercati ed a particolari competenze e tecnologie. Il vantaggio competitivo di una certa localizzazione dà luogo, più facilmente a concentrazioni di imprese isolate e a distretti industriali; in altre parole a imprese dello stesso settore o collegate fra loro tramite clienti, fornitori o relazioni simili. I distretti rappresentano un insieme significativo di competenze, informazioni e infrastrutture. In un determinato contesto i distretti industriali, si insediano in un luogo particolare per specifiche ragioni storico-geografiche, che nel tempo possono anche smettere di avere importanza, a causa della maggior forza e autonomia del distretto stesso rispetto alla concorrenza (Porter, 2001, p. 399-401).

Anteprima della Tesi di Maria Bracco

Anteprima della tesi: Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Bracco Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1686 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.