Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Analisi di un’entità geo-economica: il distretto 7 Ecco perché molti imprenditori al giorno d’oggi si pongono la domanda: distretto o delocalizzazione? La risposta a tale quesito pone in evidenza, due aspetti critici ossia: la delocalizzazione produttiva in paesi in cui il costo del lavoro è basso e quindi la capacità del distretto di mantenere la sua identità e il possesso di competenze commerciali, di marketing e distributive, che sono sempre più vitali per competere in un mercato globale (fig. 1.2). Tab. 1.1 - Regioni del Mezzogiorno: esportazioni in miliardi di lire per aree geografiche, anno 2000 Ue Resto Europa Amer. Nord Amer. centro Sud Africa Asia Medio Oriente Oceani a Altri Paesi Campania 7.795 1.789 1.829 465 813 1.479 321 206 202 Puglia 6.997 1.303 1.869 148 407 277 313 55 106 Sicilia 4.657 1.662 892 230 1.356 876 556 23 443 Sardegna 1.879 1.184 550 43 643 125 258 16 43 Basilicata 1.568 235 215 8 7 32 34 10 - Calabria 306 49 42 75 29 45 43 2 3 Totali 23.112 6.222 5.937 969 3.255 2.834 1.525 312 797 Fonte: Federtrasporto, 2001 (www.logisticaeconomia.it).

Anteprima della Tesi di Maria Bracco

Anteprima della tesi: Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Bracco Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1686 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.