Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Luoghi di transito come luoghi di permanenza - Comunicazione innovativa negli spazi del trasporto: un progetto per Tokyo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.2 - La città postmoderna. Interessante e illuminante, per sarcasmo e taglio critico, la visione esposta nel manifesto di Koolhaas del 1979, “Delirious New York” [KOOLHAAS REM (2)], in cui l’architetto esalta il salto enorme compiuto dalla pratica progettuale e dal pensiero critico sullo spazio dopo la fine del Moderno. In particolare è la figura di Le Corbusier che viene ora ridicolizzata e ora esaltata (come maestro indiscusso della modernità), genio e personaggio ostinatamente convinto delle proprie idee; l’architetto olandese propone un’analisi che intende ricostruire il passaggio da un’architettura monotematica, monofunzionale, monodiretta, verso un’architettura che da questi tratti si svincola con forza e che cerca invece la re-azione, non seria, non decisa, non assertiva, non paradigmatica. Il postmoderno. 4 Conviene dunque partire dal maestro della modernità, per poter comprendere ciò che è seguito. 4 Una riflessione terminologica è essenziale per capire la problematicità esplicativa di un termine che si fonda su una condizione di successione (il prefisso post) relativamente ad un’epoca culturale, quella “moderna”. La necessità di ricorrere a tale formula deriva dallo stesso termine “moderno”, concetto che indica di per sé qualcosa che arriva per ultimo e che subisce lo sdoppiamento semantico fra linguaggio comune – in cui solo vuol dire “il più nuovo” – e uso nelle discipline storiche e sociali nelle quali invece racchiude un periodo che prende avvio dalla rivoluzione scientifica e sociale del 700-800 e si conclude nel XX secolo. In questo secondo denotato, che è appunto quello che qui si fa proprio, emerge allora la necessità – per indicare il superamento – di evidenziare il carattere di posteriorità. Il post-moderno, o postmoderno.

Anteprima della Tesi di Marcello Rinaldi

Anteprima della tesi: Luoghi di transito come luoghi di permanenza - Comunicazione innovativa negli spazi del trasporto: un progetto per Tokyo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Marcello Rinaldi Contatta »

Composta da 515 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2696 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.