Skip to content

Un artista ferrarese a Trieste: Giovanni Pagliarini

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 dell’Ottocento locale, che riportando alla luce un notevole numero di “minori”, hanno permesso di liberare questo periodo da un’ accusa di decadenza rivelatasi tanto più ingiustificata se si pensa che nella riflessione sul proprio passato la città si rivelava totalmente al passo con le mode artistiche del resto della Penisola. La rivalutazione del Quattrocento locale aveva preso le mosse dall’acquisto, da parte del Comune, delle numerose opere confiscate a chiese e conventi in età napoleonica che vennero organizzate in una galleria per permettere agli aspiranti artisti di studiarle e copiarle. Se imprescindibile rimaneva il viaggio di studio verso realtà culturalmente più vivaci, i giovani pittori potevano comunque contare su una formazione di base improntata ad un recupero dei Primitivi ferraresi che rasentava l’ossessione: decisiva in questo senso fu la scoperta degli affreschi di Schifanoia compiuta dal già citato Giuseppe Saroli all’inizio del secolo. Ticinese di nascita, l’artista si trasferì a Ferrara per dirigere la Civica scuola di Disegno e Ornato: Girolamo Scutellari lo ricorda come «precettore di numerosi giovani fra i quali molti divennero artisti di merito», aggiungendo che «Possedeva vaste cognizioni di storia, di lettere, di archeologia; e la sua raccolta di quadri antichi prova come fosse fornito di cognizioni sulle varie maniere delle scuole.» 9 Saroli riuscì infatti a raccogliere una vasta collezione di opere di Primitivi che probabilmente sottoponeva ai suoi alunni perché copiandole potessero apprendere i primi rudimenti dell’arte. Questo tipo di esercitazione, piuttosto comune nel curriculum di ogni formazione accademica 10 , oltre ad avere evidenti connotazioni municipalistiche, si basava sull’esaltazione di Benvenuto Tisi da Garofalo, considerato genio della pittura locale venerato per tutto il secolo. La sua arte era considerata perfetta poiché riassumeva disegno romano, colorito veneto e chiaroscuro emiliano 11 : inevitabile quindi che i giovani pittori ferraresi venissero educati sulle sue opere. La scuola di Saroli divenne dunque il fondamentale (ed unico) trampolino di lancio di quegli aspiranti artisti che poi, volendo proseguire nella carriera intrapresa, erano costretti ad un “esilio volontario” per completare e perfezionare i propri studi. Questa circostanza venne certamente incentivata dalla nomina di Leopoldo Cicognara a Presidente dell’Accademia veneziana avvenuta l’11 aprile 1808. Dal momento in cui prese le redini dell’istituzione lagunare, il ferrarese si adoperò per un suo rapido ammodernamento: «Molti vantaggi e progressi ottenne quell’istituto dall’intelligenza, e dalle cure del Cicognara. Ne ampliò i locali, provvide materiali d’istruzione, scelse molti professori; istituì premi, acquistò preziosi dipinti, onde 9 Cfr. SCUTELLARI 1893, p. 40. 10 VARESE citato in TOFFANELLO (1) 1994 (s. p.). 11 Cfr. TOFFANELLO (1) 1994, (s. p.).
Anteprima della tesi: Un artista ferrarese a Trieste: Giovanni Pagliarini, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Un artista ferrarese a Trieste: Giovanni Pagliarini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eliana Mogorovich
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Massimo De Grassi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ottocento
pagliarini
pirano
pittura ferrarese
ritrattistica
trieste
udine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi