Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni di trasporto in carrier farmaceutici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 8 1.3.1 Degradazione ed erosione del polimero La degradazione del polimero è la reazione nella quale si ha la scissione di legami della catena polimerica con la conseguente formazione di oligomeri, monomeri e di altri prodotti a basso peso molecolare. Un polimero è considerato biodegradabile se la reazione di degradazione viene indotta dall’ambiente esterno: a seguito di processi biocatalitici (per effetto di batteri, funghi, enzimi) o di reazioni chimiche, in alcuni casi di natura radicalica (idrolisi, ossidazione, reazioni fotochimiche per esposizione a raggi UV). Molti fattori influenzano la velocità di degradazione di un polimero: struttura chimica, architettura macromolecolare, peso molecolare, geometria della particella, porosità, condizioni dell’ambiente esterno (pH, temperatura,…). Durante il processo di degradazione si ha la variazione di molte proprietà del polimero: riduzione del peso molecolare, della resistenza meccanica, aumento della cristallinità, formazione di monomeri e variazioni di pH. La degradazione idrolitica è provocata dalla reazione dell’acqua con legami come quello di tipo estereo. In questo caso la velocità di degradazione è legata alla capacità del polimero di assorbire l’acqua, infatti i polimeri idrofili, capaci di assorbire grandi quantità d’acqua, degradano molto più velocemente di quelli idrofobi. L’erosione è definita come la disintegrazione fisica del polimero a seguito del fenomeno della degradazione. Infatti a seguito della penetrazione dell’acqua nel rivestimento (se il farmaco è incapsulato) o nella matrice polimerica (se il farmaco è disperso nel polimero), e della scissione di molti legami nelle catene, quando è stato raggiunto un peso molecolare sufficientemente basso, avviene la diffusione dei prodotti della degradazione ed il loro allontanamento dalla micro-nanoparticella: ha luogo così l’erosione. A seconda del meccanismo, si può avere un’erosione omogenea o di superficie. Se la penetrazione dell’acqua è più rapida del processo erosivo, la degradazione ha luogo in tutto il rivestimento/matrice polimerica e si verifica ovunque, e con la stessa velocità, la perdita di materiale: si ha in questo caso l’erosione omogenea. Con questo tipo di erosione la micro-nanoparticella non muta le proprie dimensioni, anche ad un avanzato stadio di degradazione, ma si ha un notevole cambiamento della microstruttura del materiale polimerico.

Anteprima della Tesi di Miriam Petitti

Anteprima della tesi: Fenomeni di trasporto in carrier farmaceutici, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Miriam Petitti Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2355 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.