Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalle subculture alle idioculture

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 questo avviene i partecipanti diventano egualmente legati al/dal prodotto emergente. Il processo subculturale (nel senso più generale del termine), perciò, presuppone una simmetria di base di prospettive tra i partecipanti, stabilizzata comulativamente e amplificata dal flusso culturale che scorre tra loro. Va data enfasi simultanea alla particolarità culturale e all’ancoraggio relazionale. In quanto fenomeno collettivo, una subcultura appartiene a una particolare relazione sociale, o ad un insieme di relazioni. Tuttavia non riguarda necessariamente ogni aspetto del flusso di significato all’interno di questo segmento relazionale della struttura sociale; riguarda soltanto ciò che in esso è più o meno particolare, in contrasto con il flusso di significato che è altrove nella stessa società. L’ancoraggio relazionale, invece, suggerisce che l’unità di partecipazione in un processo subculturale non deve essere considerata a livello degli individui, interi ed indivisibili. Al contrario, è definito nel dettaglio a livello di particolari situazioni sociali e relazioni specifiche. L’individuo, infatti, non è totalmente incapsulato in un singolo segmento, connotato subculturalmente, della struttura sociale. Le persone, piuttosto, possono essere coinvolte in una sottocultura tramite un ruolo, o una combinazione di alcuni dei propri ruoli, e in altre sottoculture attraverso altri ruoli presenti nei propri repentori. Perché, però, le subculture si sviluppino e continuino ad esistere come piani di condivisione culturale, non basta che gli individui si trovino nelle stesse circostanze in modo da generare prospettive simili, bensì è necessario che interagiscano di fatto gli uni con gli altri e che siano, in una certa misura, isolati (e non solo fisicamente). In questo modo, il loro reciproco flusso di significati diventa una parte comparativamente ampia dell’intero flusso culturale che li raggiunge. Le subculture, in quanto clusters di significati socialmente distribuiti, variano sia in rapporto alla dimensione dei propri inventari di significati caratteristici, sia in rapporto alla dimensione dell’insieme di relazioni sociali che li trasporta; inoltre non sempre esistono l’una accanto all’altra. Addirittura si possono avere clusters di significati con diversi livelli di generalità, spesso annidiati l’uno nell’altro:

Anteprima della Tesi di Sabina Moscati

Anteprima della tesi: Dalle subculture alle idioculture, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sabina Moscati Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4978 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.