Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalle subculture alle idioculture

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 la prima volta, su una realtà sociale nuova, o per meglio dire un concetto sociologico-antropologico innovativo e assolutamente all’avanguardia (soprattutto per quanto riguarda l’Italia): la nozione di idiocultura. Ciò che per me, comunque, è importante far notare, molto più dello specifico contenuto di ogni singolo capitolo, è la presenza di tipi di paradigmi sociologici molto diversi tra loro (a seconda del concetto che viene in quel momento analizzato, del periodo storico in cui viene preso in considerazione e anche della collocazione spaziale). Ad esempio, la “Scuola di Chicago”, che rappresenta la genesi delle sottoculture, si basa sull’approccio ecologico; le “Subculture devianti” (con analisi di opere di Cloward ed Ohlin e di Becker) si rifanno molto alla teoria dell’etichettamento e a quella comportamentale; i “Cultural Studies” di Birmingham (con il testo fondamentale di Hebdige sulle sottoculture spettacolari del dopoguerra britannico) fondano i loro studi sul paradigma culturalista, dando enfasi allo stile visto come una sorta di linguaggio; il “Neo-tribalismo” si riferisce molto al rapporto diretto tra estetica ed etica, sottolineando l’importanza della sfera affettiva, della condivisione di emozioni e di empatia facendo emergere una visione della realtà sociale come caratterizzata dalla presenza di infiniti reticoli e tribù; infine “Le Idioculture”, (termine coniato dal sociologo Fine) che emergono da un tipo di ricerca, attraverso l’osservazione partecipante, sulle dinamiche culturali, comunicazionali e relazionali che si vengono a formare all’interno del Campionato di Baseball della Little League. Questo tipo di studio sociologico fonda le sue radici nell’interazionismo simbolico. Last but not the least è la presenza, in Appendice, di tre traduzioni dall’inglese, curate dalla sottoscritta, di articoli di sociologi quali Milton Yinger e l’appena citato Gary Alan Fine.

Anteprima della Tesi di Sabina Moscati

Anteprima della tesi: Dalle subculture alle idioculture, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sabina Moscati Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4978 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.