Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fondi comuni di investimento immobiliari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo 10 della VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato sui fondi e certificati immobiliari 11 . Tale indagine 12 si è orientata prevalentemente verso argomenti specifici, in ragione di diversi fattori: in primo luogo, l’allora recente e approfondito dibattito svolto dalla Commissione sui fondi comuni di investimento mobiliari, che aveva già consentito di inquadrare negli aspetti generali l’argomento. In secondo luogo, l’esistenza di diverse proposte di legge precedenti 13 relative ai fondi immobiliari, che avrebbe permesso il ricorso a dei validi schemi di riferimento. In terzo luogo, infine, l’analisi delle esperienze già sviluppatesi all’estero ed illustrate nel corso dell’indagine che ha facilitato l’esame dei pregi e dei difetti delle varie soluzioni prospettate. Una questione ampiamente dibattuta, nell’ambito dei lavori della Commissione, riguardava la scelta tra fondo immobiliare di tipo chiuso o di tipo aperto. Durante le audizioni emersero pareri contrastanti a tal proposito: si sosteneva, infatti, che l’investimento immobiliare, a differenza di quello mobiliare, presentava una minor facilità di smobilizzo e quindi il fondo aperto presentava maggiori rischi di quello chiuso, dal momento che per 11 A tal proposito si veda “Indagine conoscitiva sui fondi comuni di investimento immobiliare e sui certificati immobiliari della Commissione Finanze e Tesoro del Senato” in Jaeger P.G. - Casella P., I fondi comuni d’investimento, Giuffrè, Milano, 1984. 12 Una prima indicazione ricavata dai lavori si riferiva all’opportunità di distinguere, in via preliminare, i fondi d’investimento immobiliari dai titoli atipici. I primi presentavano caratteristiche ben identificabili e rimandavano a normative già consolidate all’estero. I secondi, invece, non erano disciplinati dall’ordinamento giuridico e, in alcuni casi, risultava arduo valutarne la rispondenza a peculiari esigenze fisiologiche del mercato. 13 Proposta di legge n. 3734 del 27 ottobre 1971, disegno di legge n. 140 del 5 luglio 1972 e disegno di legge n. 2345 del 2 febbraio 1976, con primo firmatario, in tutti i casi, il senatore De Ponti.

Anteprima della Tesi di Gemma Cannello

Anteprima della tesi: I fondi comuni di investimento immobiliari, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gemma Cannello Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9621 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.