Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ipermercato tra marketing e semiotica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 La semiotica delle “versioni semplificate e vaghe” giunte loro, ricavandone l’idea di “una disciplina astrusa, fumosa e del tutto priva di utilità pratica” (Semprini, 1990). Come si avrà modo di spiegare più approfonditamente, una diffusione della semiotica, al di là dei confini in cui alcuni si ostinano a relegarla, avrà certamente vantaggi da ambo le parti: da un lato essa potrà cimentarsi in nuove problematiche pratiche, dall’altro il nuovo pubblico che se ne servirà, soprattutto nel marketing, potrà apprezzare i risultati cui si perviene, adottando un punto di vista tanto diverso da quelli usuali; è per tal motivo infine che si è scelto questo strumento di analisi per lo studio della struttura e della comunicazione all’interno dell’ipermercato, il quale perciò verrà letto come testo. Tuttavia, per meglio capire il mezzo che si ha ora a disposizione, si ritiene necessario trattare brevemente l’excursus che lo ha caratterizzato. 1.2 Dalla semiologia alla semiotica Il percorso evolutivo attraverso cui è dovuta passare la semiotica è stato alquanto tortuoso, caratterizzato dal continuo contaminarsi di differenti approcci che, influenzandosi, hanno concorso alla formazione dell’odierna disciplina: sarebbe pertanto più corretto parlarne al plurale in modo da rifletterne la personalità plurima. Sebbene spesso si parli di semiotica russa, francese, americana, anglo-sassone, che per Umberto Eco non sono altro che termini-ombrello, si possono riconoscere due grandi filoni tradizionali di ricerca: uno di provenienza europea e principalmente francese, l’altro di matrice statunitense. 1.2.1 Il filone europeo Il primo ha avuto come fondatore il linguista svizzero Ferdinand de Saussure, celebre per la sua definizione di segno e per la distinzione tra langue e parole: il segno, secondo lui, è un’entità a due facce, signifié-signifiant, la cui relazione viene stabilita 11

Anteprima della Tesi di Eleonora Ferronato

Anteprima della tesi: L'ipermercato tra marketing e semiotica, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Eleonora Ferronato Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5941 click dal 15/09/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.