Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I procedimenti e gli istituti finalizzati allo sviluppo economico: i patti territoriali e i PIT

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.1: L’EVOLUZIONE DELL’ INTERVENTO PUBBLICO DAL 1861 AL 1950. Certamente quello meridionale fu uno dei problemi che si pose davanti al neonato Stato unitario e al suo esponente di governo, il conte di Cavour, quando egli dovette pensare ad una unificazione reale del Paese. Finchè l’Italia era divisa in molti Stati,non solo politicamente ma anche economicamente, con le diversità di leggi, con le barriere doganali fra Stato e Stato, l’esistenza di una differenza organica fra Nord e Sud d’Italia non poteva manifestarsi. Ma allorché l’unificazione fu compiuta nel 1860 fu evidente che l’ arretratezza e le differenze di vita e di struttura economica erano tali che si necessitava di una qualche forma di intervento. Due furono sostanzialmente i propositi per il Sud: portare un’efficiente apparato amministrativo a presidiare quelle terre;costruire un effettivo mercato unico nazionale. Nel primo caso il dibattito fu acceso: <

Anteprima della Tesi di Mario Aspromonte

Anteprima della tesi: I procedimenti e gli istituti finalizzati allo sviluppo economico: i patti territoriali e i PIT, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mario Aspromonte Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2476 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.