Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Museo Querini Stampalia da galleria patrizia a macchina della memoria. Appunti per una storia, 1869- 2004

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1926 al 1957, che riassume proprio i processi verbali dal 1869 al 1906 relativi alla collezione artistica che risulta particolarmente utile ai fini della storia della Galleria. Inoltre rimangono ampiamente registrate e ordinate in appositi fascicoli le carte riguardanti le borse di studio, i premi e i sussidi dotali impegno primario della Fondazione in quegli anni. Dal 1906 le vendite, le acquisizioni e le donazioni sono più facilmente rintracciabili attraverso la raccolta dei mandati e delle reversali ovvero i pagamenti autorizzati dai consiglieri e tutto ciò che la Fondazione ha ricevuto a titolo di dono o legato. L’archivio prosegue poi con la successione dei documenti ordinati secondo un numero di protocollo e divisi in fascicoli per soggetti: il personale, il Museo, la biblioteca le attività culturali, i fondi, l’amministrazione. Abbreviazioni BQS = Fondazione Querini Stampalia, Biblioteca, Manoscritti; APQS = Fondazione Querini Stampalia, Archivio privato della famiglia Querini Stampalia; AFQS= Fondazione Querini Stampalia, Archivio della Fondazione Querini Stampalia

Anteprima della Tesi di Paola Francesca Tabusso

Anteprima della tesi: Il Museo Querini Stampalia da galleria patrizia a macchina della memoria. Appunti per una storia, 1869- 2004, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Francesca Tabusso Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 890 click dal 16/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.