Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Concetti, similarità e teoria: verso il modello ibrido

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Inoltre devono essere in grado di caratterizzare schemi inferenziali di tipo razionale; l’esempio che lo stesso Burge fa è il seguente: il pensiero (a) che tutti i cani sono animali e che (b) Fido è un cane ci permette di comprendere la capacità delle persone di inferire, in accordo con schemi deduttivi ovvi, che (c) Fido è un animale. Come terzo aspetto di questi principi di relazione i concetti costituiscono modi con i quali un soggetto pensa cose, proprietà, relazioni, ecc.: il concetto di qualcosa, in questo senso è un modo di pensare a quella cosa; 2. identifica funzioni referenziali dei concetti: i concetti, infatti, in quanto contenuti del pensiero, sono rappresentazionali o intenzionali; essi possono applicarsi anche ad oggetti non concreti, ma la loro funzione rimane, in ogni caso, quella di conferire senso. Anche qui forse un esempio aiuterà a chiarire la questione: «gli “unicorni” sono unicorni se ci riferiamo ad essi; altrimenti, più semplicemente stiamo chiamando le cose con il nome sbagliato» 9 . Nel punto 1 in particolare possiamo osservare una caratteristica importante: i concetti devono poter essere ‘condivisi’ e proprio questo sembra minare la concreta possibilità di definizione – intesa sempre secondo i criteri delle condizioni necessarie e sufficienti, volte ad individuare le condizioni reali di applicazione di un termine. Una definizione siffatta non necessariamente è conosciuta, o conoscibile, da qualcuno che possiede il concetto. La condivisione intersoggettiva di cui parla Burge, da questo punto di vista, mette in evidenza il fatto che certe definizioni che applichiamo quotidianamente a concetti o a termini del linguaggio, possono tranquillamente rivelarsi false e questo dimostra, una volta di più, che le definizioni non possono esaurire il significato di un termine o il suo concetto associato. 9 Ibid., p. 310.

Anteprima della Tesi di Luciano Celi

Anteprima della tesi: Concetti, similarità e teoria: verso il modello ibrido, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Luciano Celi Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1258 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.