Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Concetti, similarità e teoria: verso il modello ibrido

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 della possibilità di connettersi, secondo qualche protocollo di comunicazione, ad una rete telefonica” ecc. Queste componenti specificano condizioni che l’oggetto deve soddisfare affinché ci sia data la possibilità di chiamarlo con quel nome (e magari di poterlo usare come tale) e sono quelle che si definiscono come condizioni necessarie. Queste caratteristiche poi devono presentarsi insieme, in modo da poter dire che sono (congiuntamente) sufficienti per la definizione del concetto: l’assenza di anche una sola di queste significa, per riprendere il paragone di Boniolo e Vidali (1999), non aver inserito monetine sufficienti nella macchinetta del caffè. § 1.1 Punti di forza della Teoria Classica dei concetti Non tutti i concetti hanno però delle definizioni semplici come “telefono” o “scapolo”, anzi, possiamo senz’altro affermare che la maggior parte dei concetti che normalmente usiamo sono rappresentazioni piuttosto complesse. La strategia con la quale la Teoria Classica riesce a rendere conto della complessità concettuale consiste nel tentare di ridurre i concetti complessi a concetti più semplici, mediante una sorta di “scomposizione del significato”: i concetti complessi vengono scomposti in elementi costituenti che sono quindi definiti secondo i criteri delle condizioni necessarie e sufficienti. Questo meccanismo della “scomposizione” spiegherebbe anche come le persone siano in grado di acquisire i concetti. Una parte di questo processo potrebbe essere visualizzata attraverso l’uso di simboli come “+” e “–“, interpretati come assenza o presenza della caratteristica cui sono posti davanti. Facciamo un esempio, prendendo una parola come ‘fratello’; essa «comprende più stadi dove i componenti semantici possono essere sommati alla rappresentazione iniziale. In una prima fase la rappresentazione consiste in solo due componenti: “+maschio” e “-adulto”. In

Anteprima della Tesi di Luciano Celi

Anteprima della tesi: Concetti, similarità e teoria: verso il modello ibrido, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Luciano Celi Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1258 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.