Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fattispecie di Infedeltà

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 CAPITOLO I LE INFEDELTÀ NEL CODICE CIVILE 1. INTRODUZIONE ALLA FATTIPSECIE DI INFEDELTÀ RIFORMA - RIFERIMENTI COMUNITARI La nuova disciplina dei reati societari,in vigore dal 16 aprile 2002 con il decreto legislativo n. 61 del 2002, ridisegna la trama di tutela apprestata in materia di codice civile, dopo oltre mezzo secolo di travagliata vigenza. La materia oggetto di riforma necessitava di una revisione legislativa in ossequio alla armonizzazione con le legislazioni comunitarie, le quali già da tempo avevano abbandonato il principio secondo cui "societas delinquere non potest" in favore del più moderno "societas delinquere potest". Nel nostro ordinamento, quest’ultimo principio è scolpito dalla Legge n. 300 del 29 settembre 2000, la quale introduce il principio volto a configurare la responsabilità penale anche in capo alle persone giuridiche. L’innovazione di tale disposizione è notevole: prima della novella legislativa del settembre 2000, infatti, il soggetto attivo di un reato poteva essere soltanto una persona fisica, in doveroso rispetto del principio costituzionale di cui all’art. 27 della Carta costituzionale, e non anche soggetti-enti sia pur dotati di personalità giuridica.

Anteprima della Tesi di Giacomo Prudentino

Anteprima della tesi: Le fattispecie di Infedeltà, Pagina 1

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Giacomo Prudentino Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1611 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.