Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Erminio Macario - i film prodotti da Luigi Rovere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Il comico che nasce dal senso di superiorità ha origini letterarie tra le più nobili e antiche. Ci pensa Armando Plebe 4 a ricordarci la figura di Tersite che nell’Iliade viene a scontrarsi con Ulisse all’interno del campo Acheo e finisce denudato, percosso e, appunto, deriso. In realtà Tersite, pur brutto, deforme, maldicente e sconfitto, viene deriso fondamentalmente per un altro motivo: egli, infatti, è persona ambiziosa, incapace di perdere e per di più dotata di una caratteristica estranea ai suoi compagni Achei, cioè un’oratoria fuori dal comune. Entra quindi in gioco un nuovo elemento: una sorta di vendetta contro chi si crede più furbo ed invece viene sconfitto: <> 5 . Il lavoro a mio modo di vedere più completo sul comico e sul riso risulta essere il saggio Il riso di Bergson 6 , capace di schematizzare in maniera piuttosto precisa le origini e di scovarne l’essenza. Tre sono per Bergson le caratteristiche indiscutibili del comico. Prima di tutto è comico solo quello che riguarda la sfera umana, non ridiamo di un animale perché è buffo in sé ma perché un qualche suo aspetto, fisico o comportamentale, ci ricorda un amico, un parente, comunque un uomo 7 . In secondo luogo, caratteristica fondamentale del comico è l’insensibilità, una sorta di indifferenza verso la situazione o la persona oggetto del riso; se la pietà, l’emozione, prendono il sopravvento, la situazione smette per noi di essere esilarante e diventa qualcos’altro, diventa pietosa, triste, addirittura drammatica (il filo che divide il comico dal drammatico è sempre stato sottilissimo). <> 8 E da qui nasce il terzo punto fondamentale: questa intelligenza deve venirsi a trovare in mezzo ad altre intelligenze. L’uomo, per ridere, ha bisogno della presenza di altri suoi simili intorno a lui, il comico è un fenomeno di massa. Un’improvvisa scena comica raramente ci fa scoppiare a ridere se vi assistiamo da soli, al limite ci strappa un sorrisino, ma se siamo in compagnia di amici siamo capaci di esplodere in sonore risate per molti minuti e addirittura torneremo a ridere ricordando la scena anche diverse ore più tardi. Gli sceneggiatori delle sit-com americane hanno imparato a sfruttare questa regola già dagli anni Settanta inserendo quelle terrificanti (ma efficaci) risate registrate per spingere lo spettatore a farsi coinvolgere in una situazione che altrimenti lo lascerebbe quasi indifferente 9 . 4 Armando Plebe, La nascita del comico, La Terza, Bari, 1956, Ivi, p. 22 ss. 5 Ivi, p. 23. 6 Henri Bergson, Il riso, Utet, Torino, 1971. 7 <>. (Ivi, p. 146). 8 Ibidem 9 Bergson conclude l’analisi di questi tre aspetti fondamentali del comico riassumendoli in un unico periodo: <> (Ivi, p. 147).

Anteprima della Tesi di Gabriele Farina

Anteprima della tesi: Erminio Macario - i film prodotti da Luigi Rovere, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Gabriele Farina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5497 click dal 20/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.