Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mutuo ad interesse usurario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Il prestito ad interesse, dunque, non era di per sé vietato, dovendosi, in base alle varie statuizioni succedutesi, soltanto rispettare il limite del tasso massimo, volta per volta, stabilito. La situazione cominciava a modificarsi nei secoli successivi quando il divieto si affermava nella normativa secolare, che recepiva una tradizione di pensiero già emersa, dal punto di vista morale, fin dai primi padri della Chiesa. 8 L'usura veniva definita in una prospettiva più generale che non quella tecnico -giuridica, considerandosi sussistente ogni volta che si riceveva più di quanto si dava; riguardava sia il prestito di denaro che di altri beni consumabili; costituiva un male grave per l'ordine temporale oltre che per la salute eterna; la colpa dell'usuraio era grave anche perché egli non produceva nulla ma vendeva il tempo che apparteneva solo a Dio. 9 Il divieto del prestito ad interesse si diffondeva nella cristianità attraverso i canoni di numerosi concili locali e generali, estendendosi non solo ai chierici ma anche ai laici, e collegandosi ad altri passi della Sacra Scrittura la cui lettura in senso normativo appariva di indubbia chiarezza. In particolare, si faceva riferimento ad un passo di Luca: "Mutuum date nihil inde sperantes". L'interprete medievale poneva tutti i suoi sforzi per cercare di capire come il passo di Luca , su cui facevano leva i numerosi canoni conciliari 8 M. BOARI voce "USURA" (Diritto intermedio) in Enciclopedia del diritto, Giuffrè editore, 1977, pag.1136 9 M. BOARI, op. ult. cit. ,pag.1137

Anteprima della Tesi di Roberto Di Napoli

Anteprima della tesi: Il mutuo ad interesse usurario, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Di Napoli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4472 click dal 20/09/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.