Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle Organizzazioni Non Governative nel sistema del Tribunale Penale Internazionale per i crimini commessi nel territorio dell'ex Jugoslavia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Le ONG e l’Ordinamento internazionale 11 Accordo Internazionale contrario, a loro parere, agli interessi di cui esse sono portatrici, attraverso il coinvolgimento dei mezzi di comunicazione e quindi dell’opinione pubblica o rivolgendosi direttamente agli organi politici dello Stato; ad esempio, le ONG impegnate nella difesa dell’ambiente hanno condotto con successo una campagna contro l’adozione della Convenzione di Wellington sulle risorse minerarie dell’Atlantico del 1998, convincendo prima Francia e Australia e poi gli altri Stati del Sistema Antartico a non ratificarla, poiché la ritenevano lesiva degli interessi ambientali da esse tutelati. È invece più difficile capire quale sia il reale apporto delle ONG alla formazione del diritto internazionale consuetudinario; sembrerebbe, secondo alcuni 9 , che esse possano influire su quella che viene definita l’opinio iuris: la convinzione dell’opinione pubblica e quindi delle ONG che un dato comportamento tenuto da uno Stato nei confronti di un altro sia o non permesso, influenzerebbe cioè la percezione di quel Paese della legittimità della sua condotta e quindi contribuirebbe a creare “l’elemento psicologico” della consuetudine. Per quanto riguarda l’aspetto della implementation of law (l’applicazione della legge), vi è l’ulteriore possibilità che le Organizzazioni Non Governative, in base ad accordi internazionali, svolgano una funzione di controllo sull’adempimento da parte di uno Stato degli obblighi derivanti da un Trattato 10 , ma esse possono svolgere anche attività diverse, a seconda di quanto concordato dai soggetti che intendono valersi della loro collaborazione. Questa verifica dell’osservanza da parte degli Stati delle regole internazionali potrebbe avvenire anche con l’ausilio di mezzi meno ufficiali, quali le consuete attività di lobbying e le campagne rivolte all’opinione pubblica. Oltre che a vigilare, esse sono a volte chiamate ad aiutare Stati ed Organizzazioni Intergovernative ad adempiere agli obblighi loro derivanti dal diritto internazionale, soprattutto in ambiti quali la tutela 9 Così TREVES T., cit.; p. 6. 10 È ancora il caso del Comitato Internazionale della Croce Rossa che, in base alle Convenzioni di Ginevra del 1949, ha anche il compito di controllare che gli Stati belligeranti rispettino gli obblighi previsti dai Trattati. Per adempiere a questa sua funzione essa ha il diritto/dovere di visitare i luoghi di guerra, gli ospedali militari, i territori occupati, i campi di prigionia per poi poter redigere dei rapporti che vengono consegnati alle potenze in conflitto. In base a tali relazioni può, se del caso, essere richiesto l’inizio di una procedura che accerti la responsabilità dello Stato accusato di aver violato le norme dell’Accordo.

Anteprima della Tesi di Georgia Bertagna Libera

Anteprima della tesi: Il ruolo delle Organizzazioni Non Governative nel sistema del Tribunale Penale Internazionale per i crimini commessi nel territorio dell'ex Jugoslavia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Georgia Bertagna Libera Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3202 click dal 21/09/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.