Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agenti cognitivi incorporati. La prospettiva dei sistemi dinamici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 La legge matematica impone degli ordinamenti negli stati del sistema accoppiandoli con dei membri di questo insieme. 1.2.2 Computer digitali La IC ha beneficiato di considerevoli esami filosofici. Ne è derivato un notevole livello di consenso riguardo ai suoi principi base 5 . In particolare, si è ampiamente accettato di assumere che gli agenti cognitivi sono computer digitali. Ma che cos’è un computer digitale, in quanto tipo di sistema? Un computer è semplicemente qualunque cosa che computa (computes) in un modo o in un altro. La computazione (computing) è una nozione informale; l’idea di fondo è quella di un procedimento che trasforma sistematicamente le “domande” in “risposte”, inputs in outputs, stati iniziali in stati finali, ecc. La funzione computata dal processo è l’insieme delle coppie stesse di domande/risposte, ossia l’insieme delle coppie di entità che esse rappresentano. In questo senso generale, praticamente qualunque cosa può essere considerata un computer. La computazione acquista interesse soltanto quando dei vincoli significativi sono posti tra i tipi di processi coinvolti. Nella teoria computazionale classica, l’approccio standard è stato quello di richiedere che il processo sia efficace, vale a dire che produca i suoi risultati mediante un numero finito di operazioni di base specificate da un algoritmo (una ricetta finita, ossia un insieme di istruzioni che specificano un insieme di istruzioni che specificano le operazioni di base). 5 Per espressioni di questo consenso si veda ad esempio, Clark (1989); Copeland (1983); Dreyfus (1992); Fodor (1975); Fodor & Pylyshyn (1988); Newell (1980); Newell & Simon (1976); Pylyshyn (1984). La versione di questo consenso in questo momento più ampiamente accettata come definitiva è probabilmente quella esposta in Haugeland (1985).

Anteprima della Tesi di Alberto Vicario

Anteprima della tesi: Agenti cognitivi incorporati. La prospettiva dei sistemi dinamici, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alberto Vicario Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1266 click dal 23/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.