Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I numeri sono un'opinione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Patto per l’Italia. Il nuovo Governo non può quindi contare su una maggioranza assoluta al Senato, ed appaiono subito evidenti i contrasti tra la Lega Nord, con forti tendenze separatiste, ed Alleanza Nazionale, che invece dà particolare rilievo alla concezione unitaria dello Stato. Inoltre Berlusconi deve far fronte a numerose polemiche, provenienti dalla stampa internazionale, riguardo agli eventuali incarichi da assegnare a ministri neofascisti. A tal proposito al Parlamento europeo viene approvata una mozione del gruppo socialista, la quale chiede che ministri di estrema destra non facciano parte del Governo italiano; il leader di Forza Italia dichiara la sua intenzione di rivolgersi a tecnici di An, e non a vecchi esponenti del Msi, ma il 10 maggio, giorno della nascita del nuovo esecutivo, tre dei cinque ministri di An sono dirigenti storici del Msi. I timori per un ritorno dell’estrema destra nella compagine governativa si palesano anche nell’attenzione della stampa per i cortei: il 16 maggio si tiene per la prima volta una manifestazione autorizzata di naziskin, il 29 maggio il Capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro viene accusato da altri manifestanti di “aver legittimato il Governo fascista di Berlusconi”. Il consenso per Berlusconi si conferma alle elezioni del Parlamento europeo di Strasburgo, il 12 giugno: Forza Italia ottiene il 30,6% dei voti, migliorando rispetto al 21% ottenuto alle elezioni per la Camera del 27-28 marzo. Le altre forze politiche subiscono invece un calo: rispetto alle politiche, la Lega Nord scende dall’8,4 al 6,6%, il Pds dal 20,4 al 19,1%, Alleanza Nazionale dal 13,5 al 12,5% ed il Partito Popolare dall’11,1 al 10%. In seguito alla nuova sconfitta elettorale, si apre nel Pds un acceso dibattito, che porta innanzitutto alle dimissioni del segretario Achille Occhetto e quindi all’elezione, nel consiglio nazionale, di Massimo D’Alema, che prevale su Walter Veltroni.

Anteprima della Tesi di Emanuele Dequarti

Anteprima della tesi: I numeri sono un'opinione?, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuele Dequarti Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1633 click dal 27/09/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.