Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La promozione della cultura museale on line

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Sulla fine del XVIII secolo sorsero importanti musei in diversi Paesi: nel 1753 per iniziativa del governo aprì a Londra il British Museum; nel 1793 il Louvre a Parigi; durante il regno di Carlo III di Borbone, 1716 – 1788, fu costruito a Madrid il museo El Prado. In Italia, a partire dalla prima metà dell’Ottocento, furono non solo i sovrani, ma anche i pontefici ad emanare provvedimenti legislativi volti a tutelare il patrimonio artistico e archeologico 12 , i primi provvedimenti della chiesa in materia risalgono addirittura al XV secolo 13 . Numerosi provvedimenti intervennero poi in materia di conservazione delle opere d’arte tra cui: l’editto settecentesco del Cardinale Silvio Valentino Gonzaga con cui prescriveva la conservazione delle reliquie del passato come documenti della storia sacra e profana, l’editto Spinola del 1717 con cui si introdusse l’obbligo di licenza per i commercianti di antichità e di opere d’arte e si stabilì che venisse fatto un disegno a futura memoria delle cose che non potevano essere conservate 14 e la Prammatica LVII emanata da Carlo III nel 1755 per tutelare gli scavi di Pompei, Ercolano e Stabia da saccheggi e devastazioni. 12 ALIBRANDI T. – FERRI P., I beni culturali e ambientali, Giuffrè, Milano, 2001: “ nella tutela delle cose artistiche e dei resti archeologici è lo Stato della Chiesa a vantare la più antica tradizione; sotto il governo dei pontefici stava la città di Roma, dove più che in ogni altro luogo si raccoglievano capolavori d’arte e testimonianze del glorioso passato. Fu quindi a Roma che si ebbero le prime e più significative forme di intervento sovrano per impedire la distruzione e la dispersione delle ricchezze dell’arte e dei resti archeologici”. 13 Si ricorda già nel 1.400, due provvedimenti della Chiesa; la bolla di Pio II “Cum almam nostram urbem” del 28 aprile 1462 che proibisce di demolire, distruggere, danneggiare gli edifici pubblici e la Bolla “Cum Provida” di Sisto IV del 1474 che impedisce che le chiese vengano spogliate di marmi e ornamenti. 14 CORTESE W, I beni culturali e ambientali: profili normativi, Cedam, Padova, 2002

Anteprima della Tesi di Cristina Forti

Anteprima della tesi: La promozione della cultura museale on line, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Forti Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5834 click dal 23/09/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.