Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La promozione della cultura museale on line

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 La legge 1089/1939 poggiava su elementi ben precisi: 1. l’identificazione, ovvero il riconoscimento del carattere di particolare pregio storico – artistico dei beni in circolazione o di quelli oggetti di ricerca o di ritrovamento; 2. l’esigenza – sufficienza della conservazione, essendo predominante l’obiettivo di protezione del bene medesimo da tutti gli eventi, materiali e giuridici, che potessero metterne a repentaglio l’integrità. In questa logica la gestione era concepita soprattutto come “gestione della conservazione” ed il museo ne era considerato lo strumento principe; 3. il ricorso ad elementi elastici, e dunque per loro natura molto generici e ad amplissima discrezionalità, ne è così derivato un sistema a scarsa procedimentalizzione il cui funzionamento e legittimazione erano affidati ad un continuum di regolazione – gestione basato su un’amministrazione centralizzata. Tale legge, come si è potuto notare, poggiava su premesse istituzionali quali la centralità dello Stato e la totale riferibilità a quest’ultimo di ognuno degli elementi in gioco (il podestà al posto del sindaco, l’approvazione dei piani regolatori da parte del ministero dei lavori pubblici, l’onnipresenza del prefetto in sede locale, il controllo generale sugli atti di comuni e province, il monopolio della funzione legislativa da parte del Parlamento). Il superamento di questa legislazione è avvenuto solo in temi recenti attraverso il decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali).

Anteprima della Tesi di Cristina Forti

Anteprima della tesi: La promozione della cultura museale on line, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Forti Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5834 click dal 23/09/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.