Skip to content

Ascanio Amalteo e la riforma forestale del 1792 nel Trevigiano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 I boschi di rovere sono l’oggetto di questa riforma e si trovano un po’ ovunque: sui monti, sulle colline, ma soprattutto nella vasta pianura alluvionale, distinta in alta e bassa, cioè a monte e a valle delle risorgive. Tuttavia, il territorio più ricco di rovereti è quello della bassa pianura, contraddistinto da un terreno argilloso- umido particolarmente adatto a roveri e farnie. Fin dalle sue origini, Venezia possedeva un certo numero di boschi, in parte coronali e in parte comunali. I primi erano riservati al Doge e solo in seguito passarono sotto l’autorità del Maggior consiglio, mentre i secondi erano affittati o dati in usufrutto alle gastal- dìe. Successivamente, con l’ingrandimento dei suoi domini, la Repubblica am- pliò il suo patrimonio boschivo e la direzione generale di tale materia fu affidata ai rettori delle città, alle podesterie e a varie magistrature. La città lagunare, avvertendo da sempre la scarsità di legname come un perico- lo da evitare in ogni modo, delineò gradualmente una rete organizzativa che si occupava del taglio, del trasporto e, in generale, della gestione del legname. Tale organizzazione tuttavia, pur restando ineguagliata nella storia, fu difettosa fin dai primordi e tale rimase, nonostante i molti tentativi di riforma, fino agli ul- timi anni della Repubblica, rivelandosi talora difficilmente gestibile per la man- canza di coerenza politica, per i continui conflitti tra Stato e comuni e per una generale e diffusa corruzione. Di fronte alle difficoltà amministrative, il Senato decise, con la legge 4 dicembre 1452, di abbandonare ai rispettivi comuni tutti i boschi e il loro governo, sotto condizione di fruirne in comune e nel rispetto del legname per uso pubblico. Ta- le legge fu infelice, poiché, non solo non risolse i problemi, ma, anzi, aggravò la penuria di legname negli anni seguenti. Così il Senato decise di riunire tutti i po- teri in materia boschiva nelle mani di una sola persona e nel 1458 fu creata la carica di Provveditore alle legne e boschi, che nel giro di breve tempo acquistò un grandissimo potere. Nonostante, però, questo andirivieni di appartenenza e di responsabilità, la si- tuazione rimase a lungo incerta e poco stabile, infatti: «Ancora all'inizio del XVI secolo, paludi e acquitrini occupano gran parte del territorio compreso tra il Piave e il Livenza, solo interrotti qua e là da pascoli e boschi. Queste terre ancora incolte erano di proprietà pubblica e venivano sfruttate dai residenti dei villaggi limitrofi […]. In questa congerie di confini era difficile stabilire ove terminassero le giurisdizioni dei vari villaggi e così
Anteprima della tesi: Ascanio Amalteo e la riforma forestale del 1792 nel Trevigiano, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Ascanio Amalteo e la riforma forestale del 1792 nel Trevigiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Bertino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Antonio Lazzarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
boschi
foreste
marina
riforma
rovere
serenissima
settecento
treviso
venezia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi